Notizia

Guerra in Ucraina | Le borse di studio, il servizio di informazione legale e gli appelli per la pace di Unife

08/03/2022

Vita universitaria

Guerra in Ucraina | Le borse di studio, il servizio di informazione legale e gli appelli per la pace di Unife

Dall’inizio del conflitto in Ucraina, che ha colpito il cuore dell’Europa e non solo, l’Università di Ferrara ha immediatamente espresso ferma condanna alla guerra e ha messo in campo una serie di iniziative di supporto, sensibilizzazione e approfondimento culturale. 

 

Borse di studio per studentesse e studenti ucraini 

Anche Unife ha aderito al pacchetto di misure straordinarie per l’accoglienza, il supporto e il sostegno a studentesse e studenti universitari provenienti dall’Ucraina messe in campo dalla Regione e dagli Atenei dell’Emilia-Romagna, in modo da consentire loro di continuare il  percorso di studio e formazione. Destinatari delle misure straordinarie per alloggi, servizi ristorativi e borse di studio, sono studenti ucraini iscritti agli Atenei con sede in regione per l’A.A. 21/22 che non trovano un supporto economico in Italia oppure studenti profughi provenienti dall’Ucraina, a seguito comunque dell’iscrizione ad attività formative presso un Ateneo regionale.

Gli interventi prevedono per gli studenti profughi provenienti dall’Ucraina 58 borse di studio del valore da 3 mila euro ciascuna messe a disposizione dagli Atenei emiliano-romagnoli di cui 5 arrivano dall’Università di Ferrara, 25 da Bologna, 10 da Modena-Reggio Emilia, 10 da Parma, 5 dalla sede di Piacenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e 3 dalla sede di Piacenza del Politecnico di Milano. Alla borsa di studio è associato l’esonero dal pagamento delle tasse per i corsi universitari. Inoltre, per gli studenti beneficiari degli interventi degli Atenei è previsto un posto alloggio gratuito presso le residenze ER.GO fino al 30 settembre 2022 compatibilmente con le disponibilità effettive.

La Regione Emilia-Romagna, inoltre, mette a disposizione 75 mila euro per gli studenti ucraini attualmente iscritti negli atenei del territorio per l’A.A. 21/22 per progetti di scambio internazionale. Gli studenti possono scegliere se richiedere un contributo straordinario per la copertura delle spese di locazione, a fronte della presentazione di un contratto regolarmente registrato (che avrà un valore massimo di 2 mila euro, commisurato al canone dovuto nel periodo febbraio-settembre 2022), oppure un contributo prepagato per l’accesso ai servizi ristorativi del valore di 500 euro da utilizzare entro il 30 settembre 2022 presso i servizi ristorativi ER.GO e negli altri servizi convenzionati.

Ulteriori info e bando

Servizio di informazione legale per per profughe e profughi dell'Ucraina

Servizio organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Ferrara e da Unife Inclusiva, Coordinamento Politiche di Inclusione di Ateneo.

Lo sportelloattivo dal 4 aprile tutti i lunedì dalle ore 9.30 alle ore 12 presso la Caritas di via Brasavola 19 a Ferrara, presta gratuitamente assistenza e offre numerosi servizi. E' possibile ricevere informazioni sulla procedura di registrazione presso la Questura di Ferrara e anche supporto alla compilazione della modulistica necessaria (dichiarazione di ospitalità/dichiarazione di presenza). Lo sportello fornisce anche informazioni sul permesso di soggiorno per protezione temporanea e sulla protezione internazionale inoltre, su prenotazione, sarà possibile richiedere un servizio di accompagnamento presso il Punto Assistenza Unico in Fiera, la Questura e altri servizi del territorio. Il servizio svolge anche un’attività di orientamento per ulteriori quesiti giuridici e per altri servizi offerti dal territorio come i servizi di prima accoglienza e alloggio, l’inserimento scolastico dei minori, le iscrizioni al Servizio Sanitario Nazionale (SSN), anamnesi vaccinale, green pass e tamponi (Covid-19), servizi sociali, corsi di italiano e altri servizi offerti dalle associazioni del terzo settore.

Marcia Straordinaria PerugiAssisi della pace e della fraternità

Raccogliendo l'invito della Rete Università per la Pace, l'Università di Ferrara sarà rappresentata alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi in programma il prossimo 24 aprile, dal referente Unife della Rete, Professor Alfredo Mario Morelli del Dipartimento di Studi Umanistici.

“La partecipazione alla Marcia vuole essere un segnale forte, di adesione ad un pensiero di pace, in favore di un approccio complesso, articolato alla crisi in corso, che rifiuti la logica binaria delle opposte propagande (senza, naturalmente, ipocrite equidistanze) e promuova il dialogo e la comprensione delle ragioni dell'altro, unica vera soluzione ai conflitti – commenta il Professor Morelli - Partecipare alla Marcia significa anche allargare lo sguardo e dire no a tutte le guerre in corso, lontane dalla cassa di risonanza dei media, in Medio Oriente, nello Yemen, in Mozambico e in decine di altri teatri. Significa, altresì, prendere coscienza del fatto che la pace non è uno stato, è un processo, un compito infinito: qualcosa che va costruito, da ‘costruttori di pace’, anche in molti altri contesti in cui le diseguaglianze economiche, sociali, le tensioni tra Stati e all’interno di essi, le differenze di censo, lingua, etnia, religione e cultura costituiscono il terreno su cui si preparano le guerre di domani.  La logica del dominio, del controllo e dello sfruttamento, al servizio di interessi spietati, fomenta spesso le divisioni: ed è contro di essa che siamo chiamati a conoscere e ad agire in modo instancabile, costruendo terreni comuni per case comuni”.  

Unife aderisce agli appelli contro la guerra della CRUI e della Carta per le Pari opportunità

Unife ha aderito all'appello della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), profondamente preoccupata da quanto sta avvenendo in Ucraina, a sostegno di un’azione diplomatica forte e immediata. 

L’Ateneo estense, firmatario della Carta per le Pari Opportunità (Italian Diversity Charter), ha inoltre condiviso  la dichiarazione congiunta di Fondazione Sodalitas, promotrice della Carta, che esprime vicinanza al popolo ucraino e condanna di quanto sta avvenendo. 

Approfondimenti e seminari Unife sulla guerra in Ucraina

Archivio seminari e approfondimenti

La guerra in Ucraina e le vie della pace

Il 3 marzo dalle 17 alle 19 si è svolto l’incontro online “La guerra in Ucraina e le vie della pace”, organizzato dall’Università di Ferrara, dal Centro Macro Crimes - Centro studi giuridici europei sulla grande criminalità e dal Centro di Ateneo per la cooperazione allo sviluppo internazionale. 

A presiedere il dibattito è stato Luca Baccelli, professore dell’Università di Camerino e presidente del Centro Jura Gentium con l’introduzione delle docenti Orsetta Giolo dell’Università di Ferrara e Valeria Verdolini dell’Università di Milano-Bicocca e l’intervento del professor Alessandro Colombo dell’Università di Milano. In chiusura è intervenuta Serena Forlati, direttrice del Dipartimento di Giurisprudenza di Unife. Hanno partecipato inoltre Alessandra Annoni (Unife), Roger Campione (Univ. Oviedo), Khrystyna Gavrysh (Unife), Olivia Guaraldo (Univr - Centro Hannah Arendt), Daniele Lugli (Movimento Nonviolento), Gian Carlo Perego (Fondazione Migrantes), Stefano Pietropaoli (Unifi), Filippo Ruschi (Unifi), Emilio Santoro (Unifi - Centro L'altro diritto), Mirko Sossai (UniRoma Tre), Andrea Spagnolo (Unito). 

Ucraina: un glossario della crisi

Il 9, 15 e 21 marzo si è tenuto il ciclo di incontri “Ucraina: un glossario della crisi”, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza e dal Centro di Studi giuridici europei sulla grande criminalità Macro Crimes dell’Università di Ferrara in collaborazione con le/i rappresentati di studentesse e studenti del Dipartimento. 

Gli incontri, della durata di un’ora e mezza ciascuno, hanno visto la partecipazione, in qualità di relatrici e relatori, di assegnist* e dottorand* di ricerca del Dipartimento di Giurisprudenza e di altri Dipartimenti dell’Ateneo.

Scopo dell’iniziativa è  stato focalizzare l'attenzione su alcune parole-chiave e procedere a stilare una sorta di glossario delle risposte che il diritto internazionale, il diritto dell'Unione europea, ed altre discipline - giuridiche e non - stanno provando a dare all'attuale situazione. 

La crisi ucraina: il presente e il futuro dell’Unione europea

Il 23 marzo e il 1° aprile si sono svolti due incontri in presenza e in diretta streaming sul tema “La crisi ucraina: il presente e il futuro dell’Unione europea”, organizzati dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Ferrara, sedi di Ferrara e Rovigo, in collaborazione con l’Istituto Universitario di Studi Superiori IUSS-Ferrara 1391, del Consorzio Università Rovigo (CUR) e della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. L'evento, aperto a tutte e tutti le/gli interessate/i, ha costituito attività formativa del Dottorato di ricerca in "Diritto dell’Unione Europea e Ordinamenti Nazionali" ed è stato patrocinato dal Modulo Jean Monnet “EU Specialized Judicial Protection” del Prof. Jacopo Alberti del Dipartimento di Giurisprudenza di Unife.

Il ritorno dei muri. L’Ucraina e il nostro futuro

Lunedì 11 aprile dalle 15 alle 17 nell'Aula A9 del Polo Didattico degli Adelardi (via degli Adelardi, 33), si è tenuto un dibattito sul conflitto in Ucrainaorganizzato dal Laboratorio di Studi Urbani dell’Università di Ferrara in collaborazione con RuniPace, Rete Università per la Pace. A intervenire sono stati Alfredo Morelli (RuniPace), Giuseppe Scandurra (Laboratorio di Studi Urbani), Barbara Schiavulli (Giornalista, Direttrice di “Radio Bullets”), Alfredo Alietti, Andrea Baravelli, Alberto Castelli (Università di Ferrara). L’iniziativa era aperta a studentesse, studenti, docenti, ricercatrici e ricercatori, assegnisti di ricerca e a tutte le interessate e gli interessati e si è svolta anche online al seguente link.

Contatto diretto con le studentesse e gli studenti

L'Ateneo ha preso contatto con tutte le studentesse e studenti provenienti dalla aree interessate dal conflitto per esprimere vicinanza  e mettersi a disposizione.

La guerra in Ucraina su Agenda17

Nella sezione del webmagazine di Ateneo Agenda17 dedicata all'obiettivo 16 dell'ONU "Pace, giustizia e istituzioni forti" sono presenti diversi approfondimenti sulla guerra in Ucraina a cura di docenti Unife e altri esperti.

Agenda17 è realizzato dal Laboratorio DOS (Design Of Science) dell’Università di Ferrara, in collaborazione con il Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza  e con l’Ufficio stampa, comunicazione istituzionale e digitale dell’Università di Ferrara.

Agenda17

Risorse e link utili

Portale Sister-Hub / EMERGENZA UCRAINA

Prontuario multilingue dell’Emilia-Romagna sull’accoglienza e assistenza in Regione, corredato dalla necessaria modulistica, dove si trovano tutte le informazioni disponibili in lingua (italiano, ucraino, russo) su ciò che bisogna fare una volta arrivati in regione: dall’identificazione alla ricerca di un alloggio; dall’inserimento dei bambini a scuola alla richiesta di cure mediche, ecc.

Portale Sister-Hub / Emergenza Ucraina

Opportunità di studio e lavoro in Italia e negli altri stati membri dell'UE per studentesse, studenti, ricercatrici e ricercatori in fuga dall'Ucraina

Il Centro di Documentazione e Studi sull'Unione Europea di Unife ha inserito, nella pagina del proprio sito dedicata alle opportunità di studio, lavoro e tirocinio in Europa, una sezione che raccoglie i link ai siti che offrono a studentesse, studenti, ricercatrici e ricercatori in fuga dall'Ucraina supporto e informazioni sulle possibilità studio e lavoro in Italia e negli altri stati membri dell'UE.

Pagina web dedicata

Ministero dell'Università e della Ricerca | Emergenza Ucraina

Il Ministero ha messo a disposizione di tutte le istituzioni del sistema della formazione superiore e della ricerca una specifica sezione dedicata all’emergenza Ucraina. Si tratta di uno spazio informativo anche in lingua inglese, dedicato alle iniziative di solidarietà destinate a docenti, ricercatrici, ricercatori, studentesse, studenti e dottorande/i colpite/i dalla crisi internazionale. Il MInistero ha inoltre attivato uno specifico indirizzo di posta elettronica helpforacademics@mur.gov.it per segnalare le iniziative di solidarietà a loro rivolte, valorizzando al massimo anche la disponibilità ad accogliere chi traguarda l’Italia come Paese dove poter continuare i proprio studi, le proprie ricerche e la propria attività accademica.

Pagina web dedicata

Se ti è piaciuta questa notizia, iscriviti a Unife News e ricevi ogni mese la newsletter di Unife, con nuovi contenuti e aggiornamenti.