Notizia

Sostenibilità | Decontaminare l’ambiente con i gusci di conchiglia. Lo studio Unife finanziato con il 5x1000

22/06/2022

Scienza, cultura e ricerca

Sostenibilità | Decontaminare l’ambiente con i gusci di conchiglia. Lo studio Unife finanziato con il 5x1000

Da scarti delle attività di acquacoltura a biomasse per ripulire l’ambiente. Ci sono anche i gusci delle conchiglie tra i biomateriali candidati, in un’ottica di economia circolare, a diventare decontaminanti contro i PFAS, sostanze perfluoro alchiliche, tra le più persistenti nell’ambiente e pericolose per l’uomo. 

Il progetto è dell’Università di Ferrara, ed è stato finanziato grazie a fondi raccolti con il 5x1000, per affrontare la crisi ambientale con metodologie nuove ed ecosostenibili.

“Nella lista dei principali contaminanti ambientali, le sostanze perfluoro alchiliche (PFAS) sono senz’altro tra le più pericolose per la salute. L’ampio utilizzo di questi acidi nel settore industriale ha provocato negli anni una contaminazione talmente diffusa, da rilevare tracce nel sangue umano in diverse aree del Nord Italia” spiega Tatiana Chenet, giovane ricercatrice del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Prevenzione e coordinatrice del progetto. 

E continua: “I PFAS sono caratterizzati da una forte persistenza, ovvero vengono degradate molto difficilmente: questo significa che permangono nell’ambiente per tempi molto lunghi.  Oltre ad esserne stata dimostrata la tossicità, sono contraddistinti da un’elevata solubilità in acqua. E’ proprio attraverso l’acqua che raggiungono i campi, i prodotti agricoli e quindi gli alimenti.” 

Al fianco della ricercatrice, un gruppo di lavoro multidisciplinare che può disporre di un ampio spettro di competenze, per garantire un approccio integrato e virtuoso:

“Il nostro obiettivo è di valorizzare la neutralizzazione di PFAS utilizzando biomasse di scarto destinate allo smaltimento, in un'ottica di economia circolare” prosegue la ricercatrice.

Ed è qui che entrano in gioco le conchiglie e i loro gusci, frutto della collaborazione con aziende sul territorio, dirette interessate. 

“Abbiamo già preso contatti con l’azienda  Naturedulis situata a Goro (FE), che ci fornirà il materiale di scarto. Dopo gli studi di efficienza e di idoneità dei materiali e test ecotossicologici per l’individuazione di eventuali sottoprodotti di degradazione, verrà fatta una valutazione economica per stimare la fattibilità della metodologia” conclude Chenet.

Tutti i progetti finanziati con il 5x1000 nel 2021

I contributi raccolti attraverso il 5x1000 negli anni precedenti hanno supportato i progetti di giovani ricercatrici e ricercatori del nostro Ateneo. Anche quest'anno i fondi finanzieranno le ricerche dei più giovani.

Scopri tutti i progetti finanziati nel 2021

Dona il tuo 5x1000 a Unife e sostieni le ricerche dei più giovani

Nel nostro Ateneo, ogni giorno, una vivace comunità di ricercatrici e ricercatori si dedica alla ricerca scientifica in molteplici ambiti, tutti rilevanti per lo sviluppo della società. 

Scegliere di donare il 5x1000 all'Università di Ferrara è un gesto semplice, ma di grande importanza. Significa sostenere l’impegno delle ricercatrici e dei ricercatori più giovani che lavorano nel nostro Ateneo. Significa schierarsi al loro fianco, ed essere parte attiva di una comunità che tende al futuro con fiducia e determinazione.  

Nella tua dichiarazione dei redditi scrivi il codice fiscale 80007370382

Se ti è piaciuta questa notizia, iscriviti a Unife News e ricevi ogni mese la newsletter di Unife, con nuovi contenuti e aggiornamenti.