Strategie

Piano di Azioni Positive (PAP), Bilancio di Genere e Gender Equality Plan (GEP) sono i pilastri dell’inclusione a Unife. L’impegno del nostro Ateneo nel combattere qualsiasi forma di pregiudizio e discriminazione, descritto in questi tre documenti, riflette i valori espressi dall'art. 3 della Costituzione: "Tutti i cittadini e le cittadine hanno ​pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza ​distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di ​opinioni politiche, di condizioni personali e sociali."

Piano Azioni Positive (PAP)

Il Piano di Azioni Positive (PAP) è il documento programmatico che contiene gli obiettivi, i risultati attesi, le linee guida principali alla base della lotta contro la discriminazione per motivi di identità di genere, orientamento sessuale, origine etnica e disabilità. 

L'Ateneo, al fine di svolgere un ruolo propositivo e propulsivo finalizzato alla promozione ed attuazione dei principi delle pari opportunità e della valorizzazione delle differenze nelle politiche rivolte alla comunità universitaria, nel mese di gennaio 2021 ha approvato il PAP come allegato al Piano Integrato dell’Università degli Studi di Ferrara.

PAP 2021-23
PAP - Archivio

L’edizione del PAP 2021-2023 si concentra in particolare sul riequilibrio delle condizioni di disparità tra uomini e donne che lavorano e studiano all’interno di Unife. Rappresenta un’opportunità per influenzare la cultura organizzativa agendo concretamente a favore della valorizzazione di personale e studenti e sostenendo allo stesso tempo la qualità e funzionalità degli ambienti di lavoro e di studio dell’Ateneo. Le principali aree di intervento si basano su:

  1. Diversity management 
  2. Benessere Organizzativo e welfare
  3. Formazione, informazione e sensibilizzazione sul sistema di tutela e di garanzie dell’Ateneo
  4. Prevenzione e rimozione delle discriminazioni in ambito lavorativo e di studio
  5. Potenziamento networking, sinergie e comunicazione

Alcune delle iniziative in corso e in partenza:

  • Introduzione della identità alias per assicurare a personale, docenti e studenti in transizione di genere un’identità anagrafica provvisoria, transitoria e non consolidabile. L’identità alias in Unife rientra nel progetto informativo e di sensibilizzazione rispetto alle tematiche e problematiche trans all’interno del contesto universitario chiamato Universitrans.
  • Implementazione del progetto “Di pari passo”, volto a favorire il reinserimento del personale assente dal lavoro o degli studenti e studentesse non frequentanti per lunghi periodi (per maternità, congedi parentali, malattie, ecc.).
  • Istituzione da parte del Equality Council dello Spazio Inclusione, uno sportello di sostegno psicologico aperto a tutta la comunità universitaria per aiutare a risolvere criticità.
  • Attuazione di piani per il miglioramento della fruibilità di tutti gli spazi interni ed esterni all’Ateneo, attraverso l’abbattimento di barriere architettoniche nelle varie sedi di Ateneo (mense, parcheggi, luoghi di studio e spazi per la socializzazione) e attraverso l’implementazione del progetto “Baby Pit Stop”, che consiste nell’allestimento e mappatura  di ambienti protetti all’interno delle strutture universitarie per permettere ai genitori di accudire i figli con comodità e riservatezza.
  • Inserimento di insegnamenti nei corsi di studio per gli studenti e di percorsi di formazione per il personale tecnico-amministrativo e docente sui temi del linguaggio inclusivo (corso Lingua dei Segni Italiana – LIS), dell’accessibilità per le pari opportunità (corso "Pluralismo, diversità e identità: un approccio multidisciplinare alla conoscenza; master "Tutela, Diritti e Protezione dei Minori"). È inoltre in programma per l’estate 2022 l’organizzazione corsi full immersion estivi di informatica, ingegneria, matematica e scienze tecnologiche rivolti alle figlie di membri della comunità universitaria mirati al superamento della disparità di genere nell’ambito delle materie STEM.
  • Verifica attraverso sondaggi e progetti periodici sull’impatto che telelavoro e smart working hanno avuto sul personale durante la pandemia per definire nuove modalità di lavoro; implementazione di convenzioni e agevolazioni per il personale con Enti esterni.

Bilancio di Genere

Il Bilancio di Genere costituisce un efficace strumento di raccolta dati e attuazione della strategia di gender mainstreaming di Unife. In esso, infatti, sono messi in luce i risultati e gli impatti che le politiche hanno e possono avere sulle persone che studiano e lavorano nell’Ateneo, permettendo anche di individuare gli elementi per la futura programmazione e governance di Ateneo. Il documento, redatto annualmente*, garantisce una maggiore efficacia, trasparenza, democrazia e ridistribuzione delle risorse pubbliche e degli investimenti a vantaggio dell’intera comunità universitaria.

Uno dei dati interessanti che stanno emergendo dall’edizione di quest’anno riguarda la comunità studentesca e consiste in un aumento più rapido nel triennio 2018-2020 del numero di studentesse (+28%) rispetto agli studenti maschi (+19%) iscritti a lauree triennali, magistrali o ciclo unico, a cui corrisponde una crescita significativa di ragazze iscritte a corsi di studio in aree disciplinari STEM (+1611 contro i +563 studenti maschi).

*per l'impossibilità di raccogliere dati e per i rallentamenti causati dalla pandemia, si è deciso di rielaborare in un unico documento in fase di redazione il triennio 2018-2020.

BILANCIO DI GENERE 2018-2020

Anno 2018-2020

(in fase di redazione)

Anno 2018

BdG in italiano

Anno 2017

BdG in italiano

BdG in inglese

Anno 2016

BdG in italiano

BdG in inglese

 

Anno 2015

BdG in italiano

BdG in inglese

Anno 2014

Versioni interattive

BdG in italiano

BdG in inglese

Anno 2013

BdG in italiano - Appendice al BdG

BdG in inglese - Appendice al BdG

Anno 2012

BdG in italiano

Anno 2011

BdG in italiano

Gender Equality Plan

in fase di redazione