Notizia

Ferrara per la pace | Unife e la Rete nazionale RUNIPace organizzano l’incontro “Per un mondo libero da armi nucleari"

14/11/2022

Vita universitaria

Ferrara per la pace | Unife e la Rete nazionale RUNIPace organizzano l’incontro “Per un mondo libero da armi nucleari"

La relazione tra il diritto internazionale e gli armamenti nucleari sono al centro dell’incontro "Ferrara per la pace. Enza Pellecchia: per un mondo libero da armi nucleari", che si tiene mercoledì 23 novembre alle ore 16.30 nell’Aula A1 del Polo Didattico degli Adelardi (via degli Adelardi, 33).

L’iniziativa, presentata nel corso di una conferenza stampa in Rettorato, è organizzata dall'Università di Ferrara e dalla Rete nazionale RUNIPace, Rete promossa dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane che promuove e coordina gli studi e le iniziative sociali e culturali sulla Pace per gli Atenei di tutta Italia. 

L’incontro rientra nell’ambito di Unife Inclusiva e vede nel Comitato scientifico e organizzativo il Professor Alfredo Mario Morelli, Referente RUNIPace dell'Università di Ferrara, il Professor Giuseppe Scandurra, docente e Delegato alla III Missione del Dipartimento Studi Umanistici di Unife e la Professoressa Tamara Zappaterra, Prorettrice alla diversità, equità e inclusione di Ateneo.

“Le iniziative che presentiamo sotto il nome di Ferrara per la pace hanno l’ambizione di presentare a un pubblico vasto temi cruciali oggi, coinvolgendo la città e il territorio in un dibattito costruttivo, con l’Università come parte attiva dei processi sociali e culturali dei territori - ha spiegato Alfredo Mario Morelli -. Obiettivo è creare una rete che coinvolga non solo soggetti istituzionali come l’Ateneo ma anche movimenti, associazioni e istituti culturali in una politica di sinergia sulle iniziative a livello culturale e sociale. Unife partecipa alla Rete RuniPace, che raccoglie già 70 atenei in Italia, e che intende promuovere gli studi e le iniziative di carattere socio culturale, che si inquadrano nella terza missione, sul tema della pace".

L'incontro, che sarà introdotto e coordinato dal Professor Alfredo Mario Morelli e del Professor Giuseppe Scandurra, vedrà la relazione della Professoressa Enza Pellecchia dell'Università di Pisa e coordinatrice nazionale di RUNIPace. 

Partendo da un’analisi della relazione tra diritto internazionale e armamenti nucleari (nell’attuale, delicatissima fase dei rapporti politici), si passerà a parlare delle prospettive concrete di una loro messa al bando. Nel corso dell'iniziativa sarà anche presentato il progetto di un Laboratorio per la Pace ferrarese, per l’organizzazione e il coordinamento delle future iniziative sulla pace da parte non solo di RUNIPace e dell’Ateneo di Ferrara, ma di una costellazione di sigle e organizzazioni attive su questi temi nel territorio.

“Unife sta lavorando molto sui temi riguardanti la terza missione per far si che non sia solo un contenitore ministeriale, ma dimostri effettivamente la volontà di cambiare il nostro modo di insegnare di apprendere coinvolgendo sempre di più il territorio - ha aggiunto Giuseppe Scandurra -. Il lancio del laboratorio va in questa direzione, come contenitore scientifico che possa offrire delle chiavi di lettura che aiutino cittadine, cittadini, studentesse e  studenti a interpretare il conflitto”. 

L’incontro è aperto a tutte/i in presenza e si terrà anche in diretta streaming. Per le modalità di partecipazione è possibile consultare la notizia dedicata nella sezione Eventi del sito unife.it

Elena Buccoliero, Movimento Nonviolento, infine ha ricordato l’incontro aperto a tutte/i di martedì 22 novembre alle ore 18 a Casa Cini (via Boccacanale di Santo Stefano 26) “Il ripudio della guerra in tempo di guerra”, organizzato dalla Rete Pace Ferrara e il Movimento Nonviolento.

In Russia e Ucraina obiettori di coscienza e pacifisti stanno chiedendo di fermare la guerra. La IV Carovana della Pace a Kiev ha rafforzato i rapporti con i pacifisti italiani e aperto nuove speranze e possibilità di collaborazione. Ne parleranno due dei partecipanti alla Carovana, Mao Valpiana, Presidente del Movimento Nonviolento e Caterina Del Torto, Segreteria Rete Italiana Pace e Disarmo, nonché Gian Carlo Perego, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio.