Notizia

Disinformazione | Studentesse e studenti Unife premiati al Festival Internazionale

04/10/2022

Vita universitaria

Disinformazione | Studentesse e studenti Unife premiati al Festival Internazionale
Nuovi media, giornalismo, fake news. Sono i temi al centro dei video che le studentesse e gli studenti di Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico della laurea triennale in Scienze e tecnologie della comunicazione dell'Università di Ferrara, hanno prodotto nel quadro delle attività di collaborazione tra il Festival di Internazionale 2022 e il Dipartimento di Studi Umanistici.

"Le studentesse e gli studenti che frequentano oggi le nostre aule si informano in modo diverso rispetto ai loro genitori. Poca carta e molto digitale. Una varietà di fonti in cui il giornalismo tradizionale si incontra e scontra con social network, divulgatori online, influencer e opinionisti improvvisati. Il lavoro che hanno svolto durante il corso - stimolati da un progetto appositamente creato per loro dal Festival di Internazionale - ci rivela che non sono facili prede della disinformazione. Al contrario, mostrano una spiccata sensibilità per la qualità dell’informazione giornalistica, consapevoli che le fake news hanno una elevata capacità di circolare nell’ecosistema informativo contemporaneo. Sono orgoglioso di come hanno partecipato al progetto e sempre più convinto della necessità di trasformare la didattica universitaria in un’esperienza partecipativa” commenta Marco Pedroni, Professore del Dipartimento di Studi Umanistici di Unife e responsabile del progetto.

I video sono stati visionati e valutati dallo staff del Festival. Hanno ricevuto menzione d'onore Chiara BardelloneSimone Mancini per la qualità del format, Rebecca Stella e Andrea Conzato per il contenuto personale e originale. Di seguito i loro commenti.

Chiara Bardellone: “Il laboratorio di giornalismo e la realizzazione di questo progetto mi sono serviti a capire il lavoro che c'è a monte la scrittura di un articolo o la realizzazione di un video giornalistico. È necessario un accurato approfondimento prima di poter tradurre e sintetizzare in poche righe, o pochi minuti di video, un concetto complesso e renderlo comprensibile a tutti. 
Abbiamo trattato il tema del complottismo nel periodo Covid-19 e, cercando informazioni, mi si è aperto un mondo fatto da mille sfumature. La parte più complessa è stata riuscire a scremare gli argomenti e fare una selezione di cosa trattare e cosa no. L'esperienza è stata unica nel suo genere perché abbiamo potuto parlare con importanti giornalisti, dando un volto alle principali testate e capendo meglio tutto il lavoro che si nasconde dietro la realizzazione di un giornale”.

Andrea Conzato: “Vorrei, prima di tutto, ringraziare il prof. Pedroni e lo staff del festival di Internazionale per l'occasione avuta. È il giusto modo per dare visibilità a noi studenti e far vedere le nostre capacità e potenzialità. Detto questo, l'esperienza è stata molto utile per fare pratica a livello di storytelling e di editing audio/video, strumenti lavorativi che al giorno d'oggi non possono mancare nel mondo del giornalismo. Mi sono piaciuti molto i temi da trattare a nostra disposizione, anche se avrei preferito una scelta più libera per permetterci di dare massimo sfogo alle nostre abilità, nonostante ciò erano tutti argomenti con grande possibilità di approfondimento ed espressione, ma soprattutto attuali. Spero che questa possibilità venga data anche ai futuri studenti di questo corso, è stato molto stimolante vedere un proprio lavoro arrivare ad un festival così importante.”

Rebecca Stella"Ringrazio Internazionale e in particolar modo il prof. Pedroni per averci dato l'opportunità di prendere parte a questa esperienza. Mi ha arricchita culturalmente, ma soprattutto personalmente. Consultare le fonti relative a tematiche delicate e complesse come quelle sulle teorie del complotto mi ha fatto comprendere quanti sforzi la professione del giornalista richiede per essere effettuata in modo coerente, oggettivo (per quanto possibile) e informato. Se sarà questa la mia strada, mi impegnerò a fondo per far sì che il mio lavoro abbia sempre queste caratteristiche."

Se ti è piaciuta questa notizia, iscriviti a Unife News e ricevi ogni mese la newsletter di Unife, con nuovi contenuti e aggiornamenti.