Notizia

Lezioni online e incontri in presenza. La didattica a Unife nell'a.a. 2020/21

15/07/2020

Vita universitaria

Lezioni online e incontri in presenza. La didattica a Unife nell'a.a. 2020/21

L’Università di Ferrara garantirà la didattica in modalità online per l'intero anno accademico 2020/21, prevedendo anche importanti momenti in presenza per tutte le matricole e per chi dovrà svolgere laboratori pratici e/o tirocini.

Le modalità di svolgimento delle attività didattiche per l’anno accademico alle porte tengono in considerazione la situazione economica attuale del Paese, l’incertezza sulla possibile evoluzione della situazione epidemiologica e gli esiti di due consultazioni svolte sulla popolazione studentesca.

Le attività didattiche di tutte le lauree triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico si svolgeranno in modalità mista: le lezioni saranno video-registrate o erogate in streaming. 

Inoltre, per gli studenti iscritti ai primi anni, si organizzeranno approfondimenti didattici in presenza sugli argomenti svolti durante le lezioni on-line per consentire agli studenti di interagire con il docente e fra loro.

Per gli altri anni di corso delle lauree triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico e per il post laurea, le attività di didattiche saranno svolte con modalità a distanzaseguite da approfondimenti didattici, se possibile in presenza o in alternativa in streaming. Tali approfondimenti periodici in presenza o in streaming saranno calendarizzati sulla base delle peculiarità delle discipline e potranno essere dedicati a ripassi, chiarimenti, approfondimenti, esercizi, discussione casi clinici, focus group.

Le attività di laboratorio potranno essere svolte in presenza a gruppi per garantire il distanziamento necessario degli spazi, nel rispetto delle norme di sicurezza, e potranno essere precedute e/o integrate da videoregistrazioni di attività pratiche.

“Considero questa modalità di erogazione alla didattica, scaturita dalle esigenze dettate dall’emergenza sanitaria – commenta il Rettore Giorgio Zauli - un’opportunità per attivare un progetto di innovazione della didattica, anche valutando la possibile individuazione di nuove figure di “tutor” per fornire il supporto agli studenti”.