Notizia

Crowdfunding | Per case più efficienti ed ecologiche

09/03/2020

Scienza, cultura e ricerca

Crowdfunding | Per case più efficienti ed ecologiche

Tetti, infissi, pavimenti: allo studio di Unife un sistema per ottenere case più salutari, efficienti e rispettose dell'ambiente

Tramite il crowdfunding è possibile sostenere la ricerca che punta a diminuire di un terzo i consumi energetici nelle case

 

Come ottenere dalle abitazioni il massimo comfort, allo stesso tempo rispettando l'ambiente e abbassando i costi di funzionamento? È l'obiettivo che accomuna famiglie e aziende del settore edilizio e a cui un giovane team Unife vuole dare uno strumento concreto e sicuro. 

 

La ricerca, al centro della terza campagna di crowdfunding per la ricerca di Unife, potrà essere sostenuta con donazioni attraverso bonifico o carta di credito sul sito crowdfunding.unifeel.it, oppure acquistando i prodotti a marchio #unifenomenale presso l’Unife Store in Piazza Municipale 11.

 

Il team di ricerca del progetto comprende esperti nella riqualificazione energetico-ambientale del patrimonio edilizio e giovani ricercatrici e ricercatori del Dipartimento di Architettura di Unife (Laboratorio LEM).

La prima fase dello studio prevede la ricognizione e analisi dei prodotti già presenti sul mercatoper verificarne la resa effettiva nel contesto di una costruzione, in termini di efficientamento energetico, rispetto a quella dichiarata  a "catalogo". 

La seconda fase punta a realizzare un configuratore web che metta a sistema questi dati e proponga le migliori soluzioni nella scelta dei materiali e nella loro installazione per ottenere, in ogni edificio, il più alto risparmio energetico possibile. Il configuratore, che sarà gratuito e di facile fruizione, fornirà un aiuto fondamentale per i proprietari delle abitazioni interessati a interventi di riqualificazione dei propri immobili al fine di renderli più salubri, più efficienti, riducendo quindi i costi energetici.  Al suo interno potrà inoltre essere sviluppata anche un’area tecnica riservata agli operatori di settore, per supportarli nelle fasi di progettazione degli interventi di efficientamento energetico.

 

“L’efficientamento energetico – spiega Valentina Frighi, ricercatrice del progetto – è oggi uno dei settori chiave di ricerca nell’ambito architettonico, sia per le nuove costruzioni che per il recupero edilizio. Noi vogliamo dare risposta a questa richiesta del mercato proponendo soluzioni legate all’involucro edilizio che possano abbattere i consumi energetici anche del 30%. La piattaforma web che andremo a progettare, disponibile per tutti i proprietari di edifici con un’area tecnica dedicata agli operatori del settore, potrà avere un impatto positivo sul comfort abitativo, sulla sostenibilità ambientale e sul contenimento dei costi energetici delle case”.

 

La campagna sugli edifici smart si affianca dunque a quella sulla decontaminazione delle acque attraverso l’energia solare, confermando l’impegno e l’attenzione di Unife verso le ricerche di frontiera su un grande tema di interesse collettivo, per il presente e per il futuro: ovvero l’ambiente.