Notizia

Covid-19 | Unife studia sistema di rilevazione del virus rapido, a basso costo e affidabile

27/07/2020

Scienza, cultura e ricerca

Covid-19 | Unife studia sistema di rilevazione del virus rapido, a basso costo e affidabile

Rapido, a basso costo e affidabile. Avrà questi vantaggi il sistema di analisi rapida per la rilevazione del Sars-CoV-2, al centro del progetto Fast Detection Systems for CoronaVirus Disease 19 (FaDeSys4COVID19) che vede coinvolti tra gli altri anche diversi docenti dell'Università di Ferrara con il Laboratorio per le Tecnologie delle Terapie Avanzate (LTTA) di Unife.

Il progetto, in avanzata fase di sviluppo (TRL6), è stato finanziato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito dell’azione 1.1.4 di contrasto al Covid-19, che mira a sostenere le attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi.

L'obiettivo vede impegnati, oltre ai docenti di LTTA di Unife Roberta Rizzo,  Claudio Trapella e Remo Guerrini, anche la ditta Elements di Cesena e lo spin Off universitario HelixPharma.

Il sistema si basa sull’analisi di campioni di saliva tramite nanosensori ed è composto da un lettore elettronico e un kit di diagnostica formato da cella fluidica, nanosensore e reagenti.

Compito dei ricercatori Unife è da un lato la sintesi delle nanoparticelle d’oro derivatizzate per il riconoscimento del virione (Gruppo di Chimica Organica del Prof. Trapella) e dall'altro la loro caratterizzazione e validazione in ambito microbiologico e virologico (Gruppo di Microbiologia della Prof.ssa Rizzo).

Il nuovo sistema vuole contribuire a una fase II di ripresa delle attività in estrema sicurezza, per scongiurare una seconda ondata di infezione, in particolare, mettendo a disposizione uno strumento per identificare tempestivamente e con certezza i soggetti affetti da Sars-CoV-2, sia sintomatici che asintomatici, e i soggetti immuni. L’utilizzo di questa tecnologia consentirà di valutare la presenza di virioni o di anticorpi contro Sars-CoV-2 non solo in ambienti nosocomiali, ma anche in diverse condizioni comunitarie, quali scuole, Università, aziende, carceri.

.