Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

LABORATORIO DI DESIGN DELLA COMUNICAZIONE (Partizione A)

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita a un anno accademico precedente? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2022/2023
Docente
VERONICA DAL BUONO
Crediti formativi
13
Periodo didattico
Primo Semestre
SSD
ICAR/13

Obiettivi formativi

Il Laboratorio di Design della Comunicazione propone un percorso didattico indirizzato all’acquisizione da parte degli studenti di conoscenze teoriche, metodologie e strumenti operativi per il progetto di design di artefatti comunicativi.

Il Corso ha l’obiettivo di introdurre agli elementi di base del design grafico, della percezione visiva e della grafica editoriale (tipografia, composizione, stampa ...) finalizzati alla definizione e alla prototipazione di artefatti di tipo editoriale e di prodotto.

Viene proposto un programma di base delineato ma, al contempo, aperto e disponibile ad accogliere variazioni e arricchimenti secondo le acquisizioni in progress e le opportunità specifiche che emergeranno dalle lezioni teoriche, dai momenti collettivi di dibattito e dalle attività di progetto.

Prerequisiti

Il Laboratorio di Design della Comunicazione, prima esperienza progettuale svolta dagli studenti neo-iscritti al Corso di laurea, non richiede specifici prerequisiti di utilizzo di sistemi informatici mentre presuppone e/o stimola ad acquisire una buona capacità alla concettualizzazione e all'operatività di graficizzazione e manipolazione di materiali di base (come carta e cartone). Le abilità verranno comunque rafforzate attraverso le esercitazioni in programma. Prerequisito fondamentale è certo l'interesse e l’impegno per la disciplina.

Contenuti del corso

Ambiti di riflessione teorica e di esercitazione pratica del Laboratorio sono rappresentati dai temi afferenti al Design della comunicazione. Obiettivo formativo del corso per l’A.A. 2021-2022 è la progettazione di una serie di artefatti della comunicazione, prevedendo la realizzazione dei diversi elementi quali: copertina, gabbia, caratteri, immagini, contenuti.
È richiesto agli studenti di sviluppare capacità di elaborazione sia delle caratteristiche intrinseche dei singoli artefatti – materiali (supporti) e immateriali (contenuti) – che delle relazioni instaurabili fra i prodotti e fruitori. Lo studente sarà chiamato a svolgere il ruolo di autore dei contenuti e grafico del progetto, della ricerca (testi e immagini sul tema attribuito dalla docenza) e del contenitore (artefatto editoriale).

Metodi didattici

L’attività didattica si articola in lezioni teoriche frontali che si affiancheranno ad attività pratiche in forma di esercitazioni e di un progetto finale.

Il metodo didattico del Laboratorio è di tipo aperto, dinamico, collaborativo e propone un confronto costante fra studenti e docenti sia nel corso delle ore di lezione, sia nei momenti di revisione – singola e collettiva – delle esercitazioni e del progetto finale.

La frequenza è obbligatoria. I docenti terranno conto delle presenze degli studenti che, per sostenere l’esame finale, dovranno avere almeno l’80% delle presenze.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Il corso prevede esercitazioni intermedie, da consegnare seguendo le specifiche indicazioni del docente; le esercitazioni intermedie sono obbligatorie.
La valutazione delle esercitazioni intermedie si baserà su criteri quali rispondenza al brief di progetto, qualità dei contenuti di ricerca, qualità della rappresentazione, puntualità di consegna.
Tempi di consegna non osservati, faranno decrescere il giudizio dell’esercitazione (punteggio negativo di un punto).
Il giudizio attribuito alle esercitazioni intermedie le classificherà in quattro fasce di giudizio: insufficiente (da rifare), bassa (18/22), media (23/26), alta (27/30).

Valutazione esame di profitto.
Il ruolo della prova d’esame finale consiste nel verificare il livello di raggiungimento degli obiettivi formativi precedentemente precisati.

Prima fase (esercitazioni intermedie)
Svolgimento, da parte degli studenti, di esercitazioni pratico-analitiche e progettuali con assistenza costante della docenza e integrate da lezioni teoriche e strumentali sui temi del product design, della tipografia, della “forma del libro”, del graphic design, della pubblicistica editoriale.

Seconda fase (progetto d’esame)
Svolgimento da parte degli studenti, nella fase avanzata del corso, del progetto legato al tema del Corso, eseguito in gruppi in forma di co-design, integrato dal tempo di studio e di lavoro autonomo degli studenti.
Il progetto consiste nello svolgimento del tema assegnato i cui risultati saranno restituiti attraverso una serie di artefatti (in stampa bidimensionale e/o prototipati – in forma fisica tridimensionale – nella scala 1:1) in base alle indicazioni analiticamente precisate nel brief consegnato e illustrato in aula dalla docenza.
La definizione degli elaborati progettuali si evolverà – in costante condivisione con la docenza – lungo gli orari del calendario ufficiale del Corso, con incontri di revisione appositamente dedicati alla prova di esame.

Terza fase (prova d’esame)
La prova d’esame verterà sui risultati raggiunti nelle attività progettuali e di prototipazione.
La valutazione finale terrà conto dei seguenti fattori:
- qualità del progetto finale presentato, della ricerca svolta per la realizzazione del progetto stesso e della fase espositiva conclusiva;
- risultati raggiunti nelle esercitazioni intermedie;
- presenza e partecipazione attiva alle lezioni del corso.

La valutazione degli elaborati conclusivi (e della loro presentazione) incide indicativamente per un 70% sul voto finale d’esame; considerando i risultati di giudizio conseguiti nelle esercitazioni intermedie nella prima fase del Corso, della presenza e partecipazione attiva alle lezioni del corso, si potrà pervenire ad assegnare voti diversificati ai singoli studenti afferenti allo stesso gruppo.
La lode verrà attribuita, all’unanimità dei docenti, a studenti che abbiano dimostrato particolare impegno e capacità di innovazione (e abbiano consegnato tutte le esercitazioni intermedie).

Testi di riferimento

Massimo Vignelli, Peter Laundry, Graphic Design for Non-Profit Organization, New York, The American Institute of Graphic Arts, 1980, pp. 48.

Gavin Ambrose, Paul Harris, Il manuale del graphic design. Progettazione e produzione, Bologna, Zanichelli, 2009, pp. 191.


Franco Achilli, Fare grafica editoriale, Firenze, Editrice Bibligorafica, 2018, 175.


Testi consigliati


Bruno Munari, Da cosa nasce cosa, Bari, Laterza, 1981, pp. 385.

Michele Spera, Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Roma, Gangemi Editore, 2005, pp. 541.

Daniele Baroni, Maurizio Vitta, Storia del design grafico, Milano, Longanesi, 2007, pp. 335.

Gavin Ambrose, Paul Harris, Il libro del layout, Bologna, Zanichelli, 2009, pp. 232.

Ellen Lupton, Caratteri, testo, gabbia. Guida critica alla progettazione grafica, Bologna, Zanichelli,