Notizia

Corso di perfezionamento post laurea e di formazione Musica, Musicoterapia e Neurologia

13/01/2020

Vita universitaria

Corso di perfezionamento post laurea e di formazione Musica, Musicoterapia e Neurologia

C’è tempo fino al 3 aprile 2020 per iscriversi al Corso di perfezionamento post laurea e di formazione “Musica, Musicoterapia e Neurologia”, giunto all’ottava edizione.

Il Corso introduce basi di anatomia e neuro-fisiologia e di neurologia e neuropsichiatria infantile integrandole, attraverso un approccio multidisciplinare, con la componente psicologica ed emotiva che propone la musica alle persone in buona salute e al paziente neurologico. Fornirà inoltre nozioni di base relative all’utilizzazione della musica e di tecniche musico-terapeutiche in neurologia promuovendo un approccio rivolto alla salute della mente e del corpo. 

Obiettivo del progetto è fornire approfondimenti specifici neuroscientifici sull'impatto che la musica esercita sulle diverse aree cerebrali, sullo sviluppo di processi di plasticità neurale, su  memoria e emozioni, su patologie specifiche del sistema nervoso favorendo miglioramenti di funzioni motorie, cognitive, mnesico/attentive, sia in età evolutiva che nelle età adulta senile.                                                                               Non solo. Il Corso prevede anche l’aggiornamento medico sui principali disordini neurologici, posturali, ecc. cui può talora andare incontro il musicista ("sindromi da overuse").

È rivolto in particolare a Medici, Neurologi, Neuropsichiatri Infantili, Fisiatri, Psicologi, ai Laureati in Scienze delle professioni sanitarie della riabilitazione, ai Laureati in Scienze Motorie, agli Educatori Professionali, a Specializzandi e Dottorandi, a chi è in possesso di un qualunque diploma di laurea universitario, a Musicisti con Diploma Accademico di I o di II livello rilasciato dagli Istituti Superiori di Studi Musicali e Coreutici, ai Docenti di Musica e a chi in generale ha interesse alla conoscenza del funzionamento mente-cervello e musica-cervello (Neuroestetica) oppure è interessato professionalmente alla relazione con malati neurologici .

Diventato da quest’anno corso di formazione universitario, al corso possono partecipare anche studentesse e studenti universitari e del conservatorio.  

Le lezioni, che si svolgeranno da aprile a ottobre, saranno tenute da 34 docenti tra cui clinici, neurologi, neuropediatri, neuropsicologi, neurofisiologi, logopedisti, pedagogisti, psicologi, musicisti esperti nelle tematiche cervello e musica, docenti di musico-terapia.

Sono previste due lezioni arricchite da concerti: la prima mira ad approfondire la multisensorialità in ambito musicale (musica e sinestesia) tenuta dal pianista docente di conservatorio e di Università e compositore Prof. Antonio Artese di Firenze, Università dell'Ohio: pianoforte, luci, colori, profumi.                                           

L'altro concerto (flauto traverso), integrato da lezioni frontali sul ruolo della musica modello di plasticità neurale e fonte di produzione di emozione, sarà tenuto dal Prof. Eckart Altenmueller, ordinario di neurologia dell'Università di Hannover, Direttore del Dipartimento di Medicina per i Musicisti, Unità di Neurofisiologia e Musica e Neurologia dedicata alle patologie professionali dei musicisti, forse il più esperto sul piano internazionale nella ricerca neurofisiologica e neuropsicologica su cervello-musica e nel recupero dei disordini neurologici che possono colpire i musicisti professionisti.

Il Corso, coordinato dal Prof. Enrico Granieri che 8 anni fa ha inaugurato questo progetto didattico di approfondimento culturale su cervello/mente e musica e possibili applicazioni di stimoli musicali nelle sindromi disabilitanti neurologiche, è diretto dalla Prof.ssa Maura Pugliatti, Direttrice della Clinica Neurologica dell’Università di Ferrara.

A coordinare dalla prima edizione insieme al Prof. Granieri anche Alfredo Raglio, Professore di musicoterapia e dottore di ricerca di Unife e il Maestro Giorgio Fabbri, compositore, direttore d'orchestra e organista, docente di Conservatorio a Bologna e Adria, esperto in argomenti concernenti cervello e musica.

Programma