Reattività piastrinica, stato trombotico e funzione endoteliale in pazienti ospedalizzati con infezione da SARS-Cov-2

La Terapia Intensiva Universitaria (professor Savino Spadaro) e la Pneumologia Universitaria (professor Marco Contoli) con il coinvolgimento di diverse unità cliniche (Cardiologia) e di ricerca di base (Biologia Molecolare, Biologia Sperimentale, Microbiologia) dell'Azienda Ospedaliera Universitaria e dell'Università degli Studi di Ferrara stanno coordinando uno studio volto a delucidare la successione di alcuni fenomeni che contribuiscono all'esito infausto del COVID-19: attivazione piastrinica, attivazione della cascata della coagulazione, alterata funzione endoteliale, ipercoagulabilità. 

Lo studio prospettico di coorte è rinominato "Patterns and changes in platelet reactivity, thrombotic status and endothelial function in hospitalized patients with SARS-Cov-2 infection (ATTAC-Co)" ed è focalizzato sui pazienti più gravi con insufficienza respiratoria moderata-severa da COVID-19. 

Studi preliminari e su un numero limitato di pazienti hanno documentato che alcuni dei principali meccanismi fisio-patologici che poi si associano a un rapido deterioramento del paziente con exitus sono una diffusa disfunzione endoteliale e la formazione di microtrombosi. Lo studio ATTAC-Co è volto primariamente a indagare questi fenomeni. 

Nei pazienti inclusi nello studio saranno eseguiti una serie di valutazioni laboratoristiche, elettrocardiografiche, ecocardiografiche, di imaging avanzato volte a delucidare per quanto possibile la successione di questi fenomeni (attivazione piastrinica, attivazione della cascata della coagulazione, alterata funzione endoteliale, ipercoagulabilità, etc.) e come contribuiscono all'esito infausto della malattia. Inoltre lo studio prevede una parte prospettica longitudinale per stimare il danno residuo pneumologico e cardiologico nei sopravvissuti.

Lo studio è stato approvato dal Comitato Etico di Area Vasta Emilia Centro in data 07/04/20 (id 339/2020/Oss/AOUFe) e ha già ricevuto il nulla osta della Direzione Generale per lo svolgimento. Lo studio ATTAC-Co, in linea con gli standard moderni delle sperimentazioni cliniche, è registrato sulla banca dati internazionale ClinicalTrials.gov (id NCT04343053) e ha già incluso i sui primi pazienti. I primi dati sono attesi per giugno-luglio 2020