RIABILITAZIONE APPLICATA ALL'AREA DELLA NEUROLOGIA, GERIATRIA, NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita a un anno accademico precedente? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2021/2022
Docente
RAFFAELLA FAGGIOLI
Crediti formativi
8
Periodo didattico
Primo Semestre

Obiettivi formativi

MODULO NEUROLOGIA – NEUROGERIATRIA: Conoscenza delle basi anatomiche e neurofisiologiche delle funzioni corticali superiori, delle funzioni cognitive, delle emozioni e del comportamento e principali quadri clinici e sindromici. Conoscenza degli effetti collaterali neurologici degli psicofarmaci. Conoscenza delle funzioni neurologiche elementari e dei principali quadri sindromici correlati
Conoscere le principali modificazioni bio-psico-sociali in età senile (adattamento/disadattamento all'età senile, invecchiamento normale e patologico). Conoscenza di base dei principali strumenti di valutazione dell'anziano. Conoscenza delle terapie farmacologiche e non farmacologiche nella terza età.
MODULO GERIATRIA: Conoscenza del concetto di invecchiamento, della attuale demografia, delle modificazioni di organi e apparati legati all'invecchiamento. Conoscenza della metodologia di lavoro della medicina geriatrica. Conoscenza delle principali sindromi geriatriche (cadute, sindrome da allettamento, delirium) e di alcune importanti patologie tipiche della persona anziana (demenze, depressione). Conoscenza della rete dei servizi geriatrici.
MODULO PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA: Conoscenza delle caratteristiche fisiologiche dell'età evolutiva sia per gli aspetti accrescitivi sia per gli aspetti neuroevolutivi. Conoscenza delle principali patologie pediatriche che si associano ad una una costante componenete neurologica/psichiatrica.
MODULO NEUROPSCHIATRIA INFANTILE: Acquisire criteri di osservazione e conoscere le metodologie utilizzate per procedere nella diagnosi. Acquisire le conoscenze di base per impostare un progetto terapeutico- riabilitativo per i minori con disagio psico-fisico. Conoscere la metodologia della progettazione, il lavoro per problemi e progetti.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Il corso intende fornire gli studenti di competenze indispensabili per potersi approcciare al soggetto in età geriatrica. Lo studente apprenderà le modalità d’intervento nei confronti dei pazienti geriatrici che presentano aggressività verbale e fisica e i disturbi che caratterizzano tale fascia d’età, ovvero le Demenze. Particolare attenzione sarà data alla Malattia di Alzheimer approfondendo modalità d’intervento e strategie per il mantenimento delle funzioni cognitive.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE: Acquisire conoscenze sul funzionamento, i percorsi ed i principali modelli di intervento del disturbo dello spettro autistico e dell’esordio psicotico. Acquisire le competenze di base per impostare un progetto terapeutico riabilitativo in Neuropsichiatria Infantile.

Prerequisiti

Conoscenze di base di neuroanatomia e neurofisiologia. Conoscere le tappe dello sviluppo psicomotorio, cognitivo, comunicativo linguistico ed emotivo relazionale del bambino.
INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Competenze in merito all’aspetto psicologico del soggetto anziano e dei suoi bisogni.

Contenuti del corso

MODULO NEUROLOGIA – NEUROGERIATRIA: Demenza e declino cognitivo. Funzioni motorie e principali quadri sindromici. Malattie neurodegenerative. Disordini delle funzioni corticali superiori. Stroke. Epilessia e terapia antiepilettica. Effetti collaterali neurologici degli psicofarmaci. Dolore e cenni di trattamento
Concetti generali sull'invecchiamento e sui processi di adattamento/disadatta-mento in età senile (perdita, malattia e morte). Modificazioni delle funzioni cognitive nell'anziano. Principali disturbi affettivi e cognitivi in età senile. I disturbi del comportamento: aspetti psicopatologici e neurologici Valutazione dell'anziano: scale cliniche e scale funzionali. Le terapie farmacologiche e non farmacologiche nell’anziano.
MODULO GERIATRIA: Introduzione dalla demografia dell'invecchiamento nei Paesi Occidentali e in Italia in particolare. Il concetto di invecchiamento; invecchiamento dei diversi organi e apparati dell'uomo. Concetti di base e aspetti pratici della metodologia di lavoro della medicina geriatrica: la Valutazione Multidimensionale Geriatrica (VMG). Aspetti peculiari del paziente geriatrico dal punto di vista medico. Le cadute nell'anziano: fattori di rischio intrinseci ed estrinseci, conseguenze, prevenzione delle cadute. La sindrome da allettamento; definizione, aspetti fisiopatologici e clinici nel coinvolgimento di diversi apparati. Le ulcere da pressione nel paziente allettato; meccanismi patogenetici, prevenzione, trattamento. Le demenze nell'anziano: definizione di demenza, classificazione, fisiopatologia; aspetti clinici, diagnostici e terapeutici; declino cognitivo lieve (MCI) disturbi cognitivi associati a malattie internistiche. Il delirium (stato confusionale acuto) nell'anziano; definizione, meccanismi fisiopatologici, aspetti clinici, prevenzione, trattamento. La depressione nell'anziano; definizione, caratteristiche specifiche della depressione nell'anziano, rapporto tra demenza e depressione. La malnutrizione nell'anziano; definizione, fattori di rischio, concetti di base dell'alimentazione e della composizione corporea, metodiche per la diagnosi di malnutrizione. L'organizzazione dei servizi geriatrici; unità di valutazione geriatrica (UVG), servizi domiciliari, servizi residenziali, servizi ospedalieri; la rete dei servizi.
MODULO PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA: Concetti generali di accrescimento statuto ponderale, sviluppo puberale. Sviluppo psicomotorio. Concetti generali sulle principali malattie neurologiche dell'età evolutiva. Cromosomopatie (trisomia 21, FRAX; Sindrome di Klinefelter). Concetti generali sull'eziologia e l'evoluzione delle paralisi cerebrali infantili. Principali quadri di maltrattamento dell'infanzia. Adolescenza e tentativo di suicidio.
MODULO NEUROPSCHIATRIA INFANTILE: Patologie psichiche più frequenti nell'Infanzia: autismo, ritardo mentale, disturbo da deficit attentivo ed iperattività, disturbi del comportamento alimentare, disturbi specifici di apprendimento, disturbi dell'umore ad esordio in età infantile o adolescenziale. Presa in carico abilitativa e riabilitativa.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Gli interventi cognitivi in soggetti in età geriatrica. Il soggetto con Malattia di Alzheimer : modalità d’intervento e applicazione di materiale ecologico e software per evitare il decadimento delle funzioni cognitive.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE: Esordio psicotico: caratteristiche principali e percorsi di intervento secondo PANSM e Regione Emilia Romagna.
Disturbi dello spettro autistico: caratteristiche di funzionamento, valutazione, modelli di intervento e progettazione di intervento. Percorsi di cura nella AUSL di Ferrara.

Metodi didattici

Lezione frontale - analisi dei casi clinici.
Per MODULO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE: Lezione frontale (in presenza/in diretta streeming), interattiva.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Lezione frontale (in presenza/in diretta streeming), analisi di casi clinici, visione di filmati che trattano argomenti relativi la malattia di Alzheimer e modalità d’intervento.

Modalità di verifica dell'apprendimento

MODULO NEUROLOGIA: esame orale
MODULO NEUROGERIATRIA: esame orale della durata media di 15 minuti circa. Verranno poste 2 domande. Per superare l’esame è necessario acquisire un punteggio minimo di 18 /30. La valutazione terrà conto della qualità della frequenza, delle conoscenze acquisite, della pertinenza di linguaggio e della capacità di analisi e correlazione
MODULO GERIATRIA: Esame scritto. L’esame consiste in un singolo test scritto basato su 28 domande a risposta multipla. Ogni risposta esatta vale 1.07 punti, mentre ogni risposta errata o non data vale 0 punti. Il tempo a disposizione per la prova è di 1 ora.
MODULO PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA: Prova orale, della durata media di 20 minuti circa. Verranno poste almeno 2 domande. Per superare l’esame è necessario acquisire un punteggio minimo di 18 /30. La valutazione terrà conto delle conoscenze acquisite, della pertinenza di linguaggio e della capacità di analisi e correlazione
MODULO NEUROPSCHIATRIA INFANTILE: presentazione in aula di una lavoro di gruppo su un approfondimento ed esame orale. Durata dell’esame 15-20 minuti con almeno 2 domande; nei criteri di valutazione sono compresi la padronanza dell’argomento, la pertinenza linguistica, la chiarezza dell’esposizione e la capacità di correlazioni cliniche e pratiche.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Esame
orale, articolato in n° 2 domande inerenti le nozioni fornite durante le lezioni e la capacità di applicazione nella pratica clinica, con durata 15-20 minuti per studente.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE: Esame orale articolato in n° 3 domande su temi affrontati durante le lezioni. Tempo mediamente richiesto per studente 20 minuti.
IL VOTO FINALE RISULTA DALLA MEDIA PONDERATA DEI VOTI CONSEGUITI IN CIASCUNA PROVA.

Testi di riferimento

MODULO NEUROLOGIA – NEUROGERIATRIA: Paolo Pazzaglia, Clinica Neurologica, Soc Ed. Esculapio Bologna.
AAVV. Manuale di Neuropsichiatria Geriatrica, CIC Edizioni Internazionali, Roma , 2001, presentazioni power point delle lezioni.
MODULO GERIATRIA: Materiale fornito dal docente su richiesta
MODULO PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA: Materiale fornito dal docente. L. Pavone, M. Ruggieri, Neurologia pediatrica, Ed Masson
MODULO NEUROPSCHIATRIA INFANTILE: Glauco Mastrangelo, Manuale di Neuropsichiatria dell'Età evolutiva, Il Pensiero Scientifico Editore
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA GERIATRICA: Materiale didattico fornito dal docente.
MODULO INFERMIERISTICA CLINICA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE: Caponi B., Clama L., Sviluppare la concentrazione e l'Autoregolazione, Vol.3°, Ed. Erickson, Trento, 2009
Cornoldi C., Gardinale M., Masi A., Pettinò L., Impulsività e autocontrollo, Ed. Erickson Trento 1996
Di Pietro M., L'ABC delle mie emozioni, Ed. Erickson Trento 1999
Di Pietro M, Bassi E., Filoramo G., L'alunno iperattivo in classe, Ed. Erickson Trento 2001
Ianes D., Cramerotti S., ,ADHD a scuola, Centro Studi Erickson, Trento, 2013
Vio C., Marzocchi G.M., Offredi F., Il bambino con deficit di attenzione/iperattività, Ed. Erickson Trento 1999
Jordan R., Powell S., Autismo e intervento educativo, Ed. Erickson Trento 2004
Watson L. R. e al., La comunicazione spontanea nell'autismo, Ed. Erickson, Trento 2004
Hodgdon L., Strategie visive per la Comunicazione”- Ed. Vannini Brescia 2006
Cafiero J.M., Comunicazione aumentativa e alternativa, Ed. Erickson, Trento 2009