STORIA DEL DESIGN I

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita a un anno accademico precedente? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2021/2022
Docente
ELISABETTA TRINCHERINI
Crediti formativi
9
Periodo didattico
Secondo Semestre
SSD
ICAR/18

Obiettivi formativi


Obiettivi Formativi
Il corso di Storia del design I ha come obbiettivo la formazione di conoscenze sui processi storici che hanno dato luogo, nel corso del Novecento, alla genesi e allo sviluppo della cultura del progetto nel campo della produzione di artefatti industriali, sia in ambito internazionale che italiano.
Ampio spazio sarà dedicato ai protagonisti, alle scuole più significative, al ruolo avuto dall’industria, dalle innovazioni tecnologiche e dalla distribuzione.
Saranno messe in luce le teorie e le metodologie sottese all'ideazione dei prodotti e il rapporto tra design e società.

Prerequisiti

Conoscenze basilari della storia del Novecento

Contenuti del corso

Il corso di Storia del design I è costituito da un modulo portante (48 ore) integrato da un modulo di Storia e tendenza delle arti (24 ore).

In relazione al corso di Storia del Design.
Il corso si articola in tre parti: modulo istituzionale, modulo monografico dal titolo: Il Design Radicale tra ideazione e produzione, seminario di approfondimento dal titolo: Archivi, fonti, ricerche per la storia del design tenuto dal prof. D. Turrini.
I contenuti saranno trattati attraverso lezioni frontali ed esercitazioni.
Le lezioni frontali relative alla parte istituzionale, al seminario e al modulo monografico riguarderanno i seguenti temi:

- Arts & Crafts, dall’Art Nouveau alla Secessione (istituzionale prof. E. Trincherini)
- Dal Deutscher Werkbund al Bauhaus (istituzionale prof. E. Trincherini)
- L’Italia dalle arti applicate al design (istituzionale prof. E. Trincherini)
- La manifattura degli alabastri di Volterra 1923-1957 (seminario prof. D. Turrini)
- Le Corbusier vs F.L. Wright. Maestri a confronto (istituzionale prof. E. Trincherini)
- Giuseppe Terragni designer 1925-1936 (seminario prof. D. Turrini)
- Il Boom economico in Italia e il design del dopoguerra (istituzionale prof. E. Trincherini)
- Lo showroom Olivetti in Park Avenue a New York 1969-1975 (seminario prof. D. Turrini)
- Le tendenze del design contemporaneo (istituzionale prof. E. Trincherini)
- Nascita ed esordi dell’Avanguardia Radicale (monografico prof. E. Trincherini)
- Il Radical Design e la sua diffusione in rapporto alle realtà produttive (monografico prof. E. Trincherini)

Le esercitazioni riguarderanno i metodi di ricerca e scrittura storico-critica attraverso l’approfondimento della figura di uno dei designer trattati durante il corso.




Storia e tendenza delle arti
Il Rinascimento ed il Classicismo Maturo fino all'Alta Maniera. Il sistema delle Botteghe e della produzione artistica fino alle prime Accademie, a Firenze e Roma. Il ruolo dei modelli, alcune tecniche.

L'affermazione del ruolo del disegno nelle accademie e la separazione tra invenzione e produzione nelle Manifatture reali.

Neoclassicismo, Illuminismo, Pittoresco e sublime. Grand Tour..

800: Romanticismo, concetti di pittoresco e sublime, Preraffaelliti, Simbolismo.

Impressionismo e Postimpressionismo (fino a Ensor, Gauguin, Van Gongh e Munch).

Secessioni, soprattutto Vienna.

Avanguardie (Espressionismo in Francia e in Germania, Cubismo, Futurismo).

Avanguardie (Neoplasticismo, Costruttivismo, Dadaismo, Surrealismo, Metafisica.

Ritorno all'ordine (Gruppo Novecento, Sironi) e Primo dopoguerra in Italia (Gruppo Corrente, Forma Uno, Mac).

Spazialismo (Fontana e Rothko).

Informale e Pop Art (America-Europa)

Metodi didattici

Lezioni frontali, seminari ed esercitazioni

Modalità di verifica dell'apprendimento

La valutazione d'esame includerà una breve prova scritta (domande a scelta multipla) al termine del corso e un colloquio finale, attraverso i quali gli studenti dovranno dimostrare di avere acquisito una conoscenza di temi e questioni affrontati in aula e nei testi di riferimento indicati, di saper collocare storicamente e contestualizzare artefatti e fenomeni della cultura del design.
L’esercitazione svolta dagli studenti divisi in gruppi durante il corso sarà anche oggetto di valutazione.

Testi di riferimento

Bibliografia per il modulo istituzionale:

Dardi D. e Pasca V., Manuale di Storia del design, Silvana Editoriale, Milano 2019;
Morteo E., Grande atlante del design, dal 1850 a oggi, Electa, Milano 2008
Vercelloni M., Breve storia del design italiano, Carrocci, Roma 2008;
Trincherini E., Turrini D. (eds.) Creativa produzione. La Toscana e il design italiano 1950-1990, Fondazione Ragghianti c
Centro Studi sull'arte, Lucca, 2015


Bibliografia per il modulo monografico Il Design Radicale tra ideazione e produzione:

Trincherini E., Cronistoria in Brugellis P., Pettena G., Salvadori A. (eds.) Utopie Radicali. Firenze oltre l’architettura 1966-1976, Quodlibet, Macerata 2017, pp. 307-337.
Trincherini E., Pettena G. testi introduttivi alle sezioni, in Pettena G. (ed.) Radical Design. Ricerca e progetto dagli anni Sessanta a oggi, Maschietto & Musolino, Firenze, 2004, pp. 39-40; 92-93; 120-121; 214-215.


Bibliografia per il seminario Archivi, fonti, ricerche per la storia del design:

Ferretti Emanuela, Terragli Attiglio, Turrini Davide, Giuseppe Terragni, album 1925, Edifir, Firenze 2018
Fornari Davide, Turrini Davide (eds.), Identità Olivetti. Spazi e linguaggi 1933-1983, Triest Verlag, Zurigo 2022
Turrini Davide, Alabastro e design. Gli artieri di Volterra dal 1933 al 1953 in «Luk» n. 24, 2019, pp. 85-96
Turrini Davide, Gli artieri dell’alabastro di Volterra, in «MD Journal», n. 6, 2018, pp. 50-67


In relazione al modulo monografico e al seminario verranno forniti agli studenti alcuni dei titoli presenti in bibliografia in formato PDF.