DIRITTO ALIMENTARE

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita a un anno accademico precedente? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2022/2023
Docente
PAOLO BORGHI
Crediti formativi
6
Periodo didattico
Primo Semestre
SSD
IUS/03

Obiettivi formativi

Conoscenze che il corso si propone di trasmettere: scopo del corso è fornire ai futuri esperti giuridici delle imprese del settore alimentare una conoscenza il più possibile ampia dei principi fondamentali della legislazione alimentare della Unione europea, premettendo una panoramica sulle norme del diritto comunitario che disciplinano la produzione e il commercio di alimenti, e con più specifico riguardo all'approfondimento del regolamento CE n. 178/2002 e alle norme che gli daranno attuazione.
Abilità che il corso intende fornire: gli strumenti teorici e pratici per orientarsi nel vasto campo del diritto alimentare, mettendo in relazione le norme di fonte nazionale (incluse quelle regionali), europee e internazionali sulla produzione e il commercio di alimenti, risolvendo i principali problemi interpretativi e tenendo conto anche del rapporto fra norme giuridiche, dato scientifico e norme tecniche.

Prerequisiti

Propedeuticità: Diritto dell'Unione europea.
Sono richiesti interesse per lo studio del diritto dell'Unione europea e particolare attitudine verso lo studio dei rapporti fra l'ordinamento comunitario e quelli nazionali, nonché fra l'ordinamento comunitario e le norme internazionali. E' necessario che lo studente possieda una solida base di conoscenza dei principali aspetti dell'UE, delle sue istituzioni e dei suoi principi.

Contenuti del corso

I principi fondamentali del diritto alimentare UE, e la giurisprudenza della Corte di giustizia in materia alimentare. Le norme del trattato di Marrakech in materia alimentare. il principio di precauzione nel diritto internazionale e l'adattamento del diritto comunitario. Il mercato dei prodotti alimentari.
La disciplina comunitaria delle DOP, delle IGP e delle attestazioni di specificità; dell'etichettatura degli alimenti e delle denominazioni di vendita; degli aromi, additivi, coloranti, edulcoranti e solventi; degli OGM e dei nuovi cibi
Il reg. 178/02 della C.E. e le definizioni comunitarie fondamentali (alimento, impresa alimentare, ecc.), la sua efficacia e il suo campo di applicazione. Gli obiettivi generali della legislazione alimentare: analisi del rischio, precauzione, tutela della salute e degli interessi dei consumatori, trasparenza. Requisiti di sicurezza di alimenti e mangimi, rintracciabilità, obblighi degli operatori del settore. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare: struttura, funzioni e principi che ne reggono la costituzione e il funzionamento. La gestione delle crisi, in generale.

Metodi didattici

Didattica in presenza, con l'ausilio di slides. Durante il corso saranno organizzati seminari di approfondimento su tematiche specifiche, e gli studenti saranno invitati a partecipare a convegni sulla materia, nel caso siano organizzati dalla cattedra o dall'Ateneo.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Al termine del corso, lo studente affronterà un esame di profitto orale, nel quale dovrà dimostrare la capacità di orientarsi fra le problematiche della produzione e del commercio di alimenti e le soluzioni giuridici offerte dalle norme sia nazionali che europee.

Testi di riferimento

L. Costato - P. Borghi - S. Rizzioli - V. Paganizza - L. Salvi, Compendio di diritto alimentare, 10a edizione, Wolters Kluwer, 2022, tutto il volume esclusi soltanto il paragrafo 2 del capitolo primo, i paragrafi 8 e 9 del capitolo terzo, ed esclusa la relativa scheda di approfondimento dal titolo "Le proteine animali trasformate nell’alimentazione animale: il caso degli insetti".