Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / Studenti / Immatricolazioni, iscrizioni e carriera / movimenti / Interruzione degli studi a causa di infermità gravi e prolungate

Interruzione degli studi a causa di infermità gravi e prolungate

Lo studente iscritto a un corso di laurea/laurea specialistica/laurea magistrale, può interrompere gli studi per uno o più anni accademici, a causa di infermità gravi e prolungate, compresa la gravidanza a rischio, debitamente certificate, ai sensi del D. Lgs. 68/2012 (art. 9 c. 4).

In questo caso sono esonerati totalmente dal pagamento di tasse e contributi universitari in tale periodo e  listanza va presentata in carta esente da bollo all'Ufficio carriera di competenza oppure alla Segreteria di Medicina (studenti e studentesse dei Corsi della Scuola di Medicina) anche nel momento in cui lo studente riprende gli studi.

Nel periodo di interruzione degli studi, e fino alla successiva iscrizione regolare, gli studenti non possono fare alcun atto di carriera scolastica.

Nel caso lo studente abbia pagato rate di iscrizione prima dell'evento di infermità, l’Ateneo provvede ad effettuare una verifica della documentazione presentata e, nel caso di controllo positivo della stessa, provvede a concordare con lo studente eventuali rimborsi/conguagli. Per l'eventuale rimborso della tassa regionale lo studente deve rivolgersi all’Ente competente.

La richiesta del presente beneficio non è revocabile nel corso dell'anno accademico ed è cumulabile con gli eventuali anni di ricognizione.

Il periodo di interruzione non è preso in considerazione ai fini della valutazione del merito, in sede di richiesta di servizi ed interventi relativi al diritto allo studio universitario.

L’interruzione deve intendersi conclusa con la data di apertura delle immatricolazioni/iscrizioni per il nuovo anno accademico.

 

Riferimenti normativi: art.33 Regolamento studenti

Contatti