La ricerca all'estero e i soggiorni di studio in Paesi stranieri

Mappamondo

Nel corso dei tre anni del Dottorato è possibile trascorrere dei periodi di studio o di ricerca presso università, enti o istituti stranieri, se ritenuti utili per lo sviluppo del proprio tema di ricerca.

I soggiorni di studio all'estero devono essere preventivamente autorizzati dal Coordinatore di Dottorato o dal Tutor dello studente; se invece la permanenza continuativa è superiore a sei mesi, occorre che si pronunci ufficialmente anche il Collegio dei docenti.

I titolari di borsa di studio possono inoltre usufruire di una maggiorazione della borsa stessa per i giorni di permanenza all'estero.

Per scaricare la modulistica e conoscere nel dettaglio le modalità di svolgimento dei soggiorni in altri paesi, visita la pagina dedicata alla ricerca all'estero.

 

Finanziamenti per la "Mobilità lunga" all'estero per l'anno 2019

I dottorandi di ricerca iscritti ad un corso di dottorato con sede amministrativa presso l’Università di Ferrara possono richiedere un finanziamento fino a € 3000,00 per svolgere un periodo di ricerca all'estero per almeno un mese continuativo (la cosiddetta "mobilità lunga"). Le domande dovranno pervenire tramite posta elettronica all’account dottorato@unife.it entro il 28 Febbraio 2019.

Leggi le Linee guida e poi scarica la domanda per ottenere il finanziamento

Here attached you will find the Guidelines for Long Periods Mobility Financial Support. Here you will also find the file for the english version.

Contributi finanziari per soggiorni presso Istituzioni estere cicli 33 e 34 anno accademico 2019/20

È prevista l’assegnazione di contributi di mobilità per un importo complessivo pari a € 50.000,00. I contributi di mobilità sono finanziati con i fondi relativi all’art. 1 del D.M. 29 dicembre 2014, n. 976 (Fondo per il sostegno giovani e per favorire la mobilità degli studenti).

Per poter usufruire del finanziamento, il periodo di mobilità può iniziare a partire da dicembre 2019 e dovrà obbligatoriamente concludersi entro il 31 luglio 2020 e dovrà avere durata minima di 3 mesi continuativi, senza interruzioni del periodo.

Le domande dovranno pervenire entro il 31 ottobre 2019, all'account phdmobility.int@unife.it.

La tesi in cotutela con un Ateneo straniero

Nell'ambito di un dottorato svolto in cotutela, ovvero secondo accordi specifici sottoscritti da Unife con altre università straniere, è possibile ottenere un titolo di studio congiunto, valido cioè sia in Italia che nel Paese dell'ateneo partner. La cotutela consente a Dottorandi di ricerca di effettuare la preparazione della tesi di dottorato svolgendo periodi di ricerca alternati presso l'Università di Ferrara e quella associata. La tesi di dottorato, così elaborata, verrà discussa in un'unica sede e successivamente alla discussione, in seguito a relazione favorevole della Commissione Giudicatrice, sarà rilasciato, da parte delle Università contraenti, un doppio titolo di Dottore di Ricerca. Per conoscere i dettagli, visita la pagina dedicata alla cotutela.

Indirizzi utili