II Biennale d'Arte Don Franco Patruno

Locandina piccola

 

 

II Biennale d'Arte Don Franco Patruno

5 - 18 dicembre 2017 Prorogata al 22.12.2017

 

ORARIO:

da Lunedì a Giovedì dalle 9.00 alle 18.00

Venerdì                     dalle 9.00 alle 17.00

Sabato e Domenica  dalle10.00 alle 18.00

da Lunedì 18/12 a Giovedì 21/12 ore 14-18

Venerdì 22/12 ore 10-14

 

DOVE: Palazzo Turchi di Bagno

C.so Ercole I d'Este, 32 Ferrara

 

 

 

Locandina

Martedì 5 dicembre 2017 alle ore 18,00 presso Il Salone delle Mostre Temporanee di Palazzo Turchi di Bagno, sede dello SMA – Sistema Museale di Ateneo, sarà inaugurata la II Biennale d’Arte “don Franco Patruno”. La mostra sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, in collaborazione con il Comune di Cento e con il patrocinio dello SMA, giunge a Ferrara dopo la prima tappa presso Il Castello della Rocca di Cento, durante la quale sono stati attribuiti i premi che hanno visto quali vincitori Valeria Talamonti (I premio), Debora Cavazzoni (II premio), Marco Casella (III premio). Artisti le cui opere, dopo l’esposizione odierna, entreranno a far parte della collezione Cassa di Risparmio di Cento.

Questa seconda edizione della Biennale cade in occasione del decimo anniversario della morte di don “don Franco Patruno”, rinsaldando il valore del premio ed il legame con la memoria di Patruno, con il suo vivace e profondo interesse per i fatti della cultura e dell’arte, così come per la vita e la crescita dei giovani. Ai giovani artisti del resto, compresi in un’età tra i 18 e i 30 anni, è rivolto questo premio, oggi estesosi su scala nazionale e della cui giuria tecnica hanno fatto parte Gianni Cerioli (Presidente), Ada Patrizia Fiorillo, Fausto Gozzi, Massimo Marchetti, Valeria Tassinari.

A costituire il percorso espositivo i 27 artisti selezionati: Ricardo Aleodor Venturi (Pesaro, 1994), Camilla Baron (Solagna, VI, 1988), Arianna Bassetto (Arzignano VI, 1995), Gerardo Brentari (Rovereto, TN, 1991), Noemi Bigelli (Fano, PU, 1988), Sofia Bonini (Ferrara, 1985), Marta Campioni (Patrica FR, 1989), Marco Casella (Desenzano del Garda, BS, 1991), Debora Cavazzoni (Castelvetro di Modena, MO, 1990), Antonio Della Guardia (Mercato San Severino, SA, 1990), Elisa Denigris (Bologna, 1987), Federica Di Pietrantonio (Grottaferrata, RM, 1996), Carmine Esposito (Scafati, SA, 1991), Valentina Ferrari (Carpi, MO, 1987), Victor FotsoNyie (Bologna, 1990), Chiara Fucà (Torino, 1988), Riccardo Grassi (Piacenza, 1991), Simone Gulisano (Roma, 1992), Michele Iafrancesco (San Lorenzello, BN, 1994), Martina Paladini (Pesaro, PU, 1992), Carole Peia (Cuneo, 1992), Enrico Pierotti (Fano, PU, 1994), Daniele Pulze (Piove di Sacco, PD, 1988), Ilaria Sagaria (Palomonte, SA, 1989), Mattia Sarti (Costa di Rovigo, RO, 1988), Andrea Solaja (Trieste, 1988), Valeria Talamonti (Offida, AP, 1989).

Il tema assegnato quest’anno dalla giuria tecnica è stato “Dimenticanze”, una traccia declinabile secondo varie interpretazioni: storiche, sociali, personali, collettive, registrate ed espresse dagli artisti secondo diversificati linguaggi di espressione: dalla pittura, alla scultura, alla grafica, all’installazione. A corredo della stessa è pubblicato un agevole catalogo, documentativo delle opere e degli apparati, con testi introduttivi di Gianni Cerioli e Massimo Marchetti. «La Biennale d’arte – scrive in esso Cerioli – è una riflessione sulla contemporaneità, sulle risposte e sulle sollecitazioni con le quali l’esperienza artistica si inserisce nella realtà dei nostri giorni. […] Un’iniziativa per la quale siamo grati ai molti interlocutori che la sostengono: da Cristiana Fantozzi, Presidente della Fondazione, ai membri del Consiglio di Indirizzo e del Consiglio d’Amministrazione della stessa, alla Cassa di Risparmio di Cento, al Comune di Cento, ai membri della giuria, a Ursula Thun, Presidente dello SMA, al Museo MAGI’900 di Pieve di Cento che ospiterà nel nuovo anno la personale della vincitrice del I premio».

La mostra sarà visitabile fino al 18 dicembre 2017.