“TU@ Telelavoro Unife” - da progetto a realtà

Il Comitato Pari Opportunità e il  Comitato Unico di Garanzia dell'Università degli Studi di Ferrara, all'interno del Piano triennale di azioni positive 2010-2013, hanno promsso per l’anno 2012 il Progetto sperimentale  “TU@ Telelavoro Unife” .

Ora il progetto è stato realizzato ed è stato pubblicato il bando per l’attivazione di n. 5 postazioni di telelavoro.

Si tratta di una modalità di lavoro che permette di svolgere parte della propria attività lavorativa presso il proprio domicilio. Il telelavoratore non subisce alcuna riduzione della retribuzione e può organizzare al meglio i propri impegni familiari e professionali. Per evitare fenomeni di isolamento, è consentito lo svolgimento del telelavoro per non più di tre giorni alla settimana; nelle rimanenti giornate, concordate con il Responsabile, la prestazione lavorativa è da effettuarsi presso la struttura di afferenza.
Possono presentare la domanda di telelavoro i dipendenti dell’Università di Ferrara in servizio con regime di orario a tempo pieno o parziale, che abbiano maturato almeno un anno di anzianità.
Il bando e i moduli per la domanda di telelavoro sono reperibili al link
http://www.unife.it/ateneo/uffici/ripartizione-risorse-umane/ufficio-personale-tecnico-amministrativo/telelavoro
La richiesta di telelavoro deve essere corredata dal progetto di telelavoro redatto dal Responsabile della struttura congiuntamente con il dipendente.
Per qualunque informazione è possibile scrivere all’indirizzo telelavoro@unife.it
Le richieste dovranno pervenire entro il  28 settembre 2012. La richiesta deve essere consegnata all’Ufficio Protocollo - dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 - oppure inviata per posta ordinaria, indicando sulla busta “Domanda per l’accesso al Telelavoro”. Nel caso di invio della richiesta tramite servizio postale, farà fede il timbro dell’ufficio di partenza. La domanda può essere inoltre inviata all’indirizzo ateneo@pec.unife.it

 

Il Delegato del Rettore per le Pari Opportunità - Chiara Scapoli

Il Presidente del Consiglio di Parità - Silvia Borelli

Il Presidente del CUG - Cinzia Mancini