Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / settembre / Da Scienze Motorie al podio del Tour de l’Avenir | La storia di Giovanni Aleotti

Da Scienze Motorie al podio del Tour de l’Avenir | La storia di Giovanni Aleotti

Da Scienze Motorie al podio del Tour de l’Avenir | La storia di Giovanni Aleotti

Giovanni Aleotti indossa la maglia gialla

20 anni e una carriera sportiva già costellata di successi. Giovanni Aleotti ha da poco concluso il primo anno del corso di laurea in Scienze Motorie del nostro Ateneo e lo scorso 25 agosto ha conquistato il podio del Tour de l’Avenir, noto nel mondo del ciclismo come il Tour de France degli Under 23. Con dieci tappe e più di mille chilometri dall’Acquitania alle Alpi, Giovanni ha indossato per un giorno la maglia gialla da leader della classifica e per quattro quella a pois da miglior scalatore, per conquistare infine il secondo posto assoluto in classifica.

È stata una grande soddisfazione, che ha ricompensato tutti i sacrifici dei mesi precedenti. In una corsa così lunga e impegnativa, infatti, il recupero e la resistenza rappresentano due fattori fondamentali e per prepararmi ho trascorso un periodo di allenamento in alta quota, al Passo Pordoi.”

Il Tour de l’Avenir non è stato però il primo successo del giovanissimo talento: nel corso del 2019 Giovanni ha ottenuto due vittorie internazionali, una in Italia, a Collecchio e l’altra in Austria, a Diex e un secondo posto alla Carpathian Couriers Race in Polonia.

E ora, grazie al prezioso supporto del Cycling Team Friuli e gli studi intrapresi, Giovanni sogna di diventare un ciclista professionista.

"Sin da piccolo ho nutrito una  grande passione per lo sport, e in particolare per il ciclismo, lo pratico a livello agonistico da quando avevo 7 anni, seguendo le orme di mio padre, anche lui grande appassionato - racconta Giovanni -. La prossima stagione correrò ancora con la mia formazione, il Cycling Team Friuli; in futuro intendo conseguire la laurea in Scienze Motorie, per assicurare alla mia preparazione atletica anche una solida formazione scientifica teorica, nella speranza di diventare un ciclista professionista".

 

Per saperne di più