Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / ottobre / Raffaele Alajmo a Unife | Come trasformare un’attività familiare in azienda

Raffaele Alajmo a Unife | Come trasformare un’attività familiare in azienda

Raffaele Alajmo a Unife | Come trasformare un’attività familiare in azienda

Raffaele Alajmo durante il seminario

Tre stelle Michelin, undici locali, quasi quarant’anni di esperienza e una famiglia unita. Lo scorso martedì 22 ottobre Raffaele Alajmo è stato ospite del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Ferrara per raccontare di come insieme al fratello Massimiliano, chef de Le Calandre, ha trasformato lo storico ristorante di famiglia in un’eccellenza internazionale.

 

Il seminario è stato organizzato dal prof. Fulvio Fortezza, docente di Marketing di Unife, per le studentesse e gli studenti del Corso di Laurea Triennale in Economia, con l’obiettivo di portare un esempio virtuoso di sviluppo aziendale e di creare un contatto con un’impresa di successo.

 

Raffaele Alajmo, CEO del gruppo, ha ripercorso anno per anno tutta la storia della famiglia Alajmo nella ristorazione, a partire da Aurora, il ristorante di Rubano, nella provincia di Padova, gestito dal padre Erminio e dalla madre Rita negli anni Sessanta, oggi Le Calandre, insignito delle tre stelle dalla prestigiosa guida Michelin.

 

“La calandra è un uccellino migratore simile all’allodola che nidificava in questa zona. Abbiamo scelto questo nome per fare storytelling e costruire una storia originale intorno al nostro ristorante. Con gli anni abbiamo voluto dare sempre maggior risalto al nome di famiglia, Alajmo, mantenendo la suggestione del sorriso sotto la lettera “J”, perché la cordialità è ciò che più ci rappresenta e il messaggio che vogliamo trasmettere.” Racconta Raffaele.

 

Al centro del seminario le tappe fondamentali dell’evoluzione del brand, dallo studio per la scelta del nome alle decisioni grafiche che hanno definito il marchio rendendolo oggi un emblema del lusso made in Italy.

 

Alajmo ha spiegato inoltre come si è evoluto l’organigramma dell’azienda con l’espansione dell’attività e ha illustrato la propria esperienza di brand licensing, una forma di management senza rischi d’impresa, con il Calandrino Tokyo nel 2006.


Dopo l’esperienza di Tokyo sono cominciate ad arrivare numerose richieste per aprire nuove attività all’estero e in Italia, così nel 2008 abbiamo assunto un Marketing Manager e abbiamo fatto il primo piano strategico.

 

Oggi i fratelli Alajmo possono contare un totale di undici tra ristoranti, bar e bistrot, dislocati tra Padova, Venezia, Milano e Parigi.

 

Per saperne di più:

Alajmo