Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / ottobre / Dalla Laurea in Farmacia a Unife alla ricerca a Londra | La storia di Luca Pinton

Dalla Laurea in Farmacia a Unife alla ricerca a Londra | La storia di Luca Pinton

Dalla Laurea in Farmacia a Unife alla ricerca a Londra | La storia di Luca Pinton

Luca Pinton

Non è un viaggio di sola andata quello di Luca Pinton, che dopo aver conseguito la laurea in Farmacia all’Università di Ferrara nel 2015 e sostenuto l’esame di stato, ha deciso di intraprendere un percorso internazionale con un Dottorato di Ricerca al King’s College di Londra.

“Mi sono avvicinato alla ricerca l’ultimo anno del corso di laurea, quando ho deciso di fare una tesi sperimentale in farmacologia e il professor Luca Nicola Ferraro mi ha offerto la possibilità di andare a svolgerla al Karolinska Institutet di Stoccolma. Ho svolto sette mesi di ricerca ed è stata un’esperienza straordinaria che ha cambiato le mie aspirazioni per il futuro.”

Il successo dell’esperienza internazionale in laboratorio ha portato Luca a fare domanda per un Dottorato di Ricerca nel Regno Unito e a entrare nel prestigioso programma LIDO (London Interdisciplinary Doctoral Program) vincendo inoltre una borsa di studio che gli permette di lavorare sia al King’s College London che allo University College London.

“Il dottorato è un’esperienza estremamente stimolante perché affianca all’attività di ricerca vera e propria la supervisione degli studenti e l’insegnamento, permettendo inoltre di sviluppare quelle competenze cosiddette “trasferibili” in altri settori.”

La ricerca di Luca consiste nel ricavare dei modelli in vitro dalle cellule staminali di pazienti affetti da distrofie muscolari su cui testare nuovi farmaci e nuove terapie geniche.

“L’idea è quella di riprodurre in laboratorio dei mini-muscoli in 3D ottenuti dalle stesse cellule dei pazienti, in modo tale da evitare biopsie e poter testare in modo sicuro farmaci e composti che possono dare benefici a quel paziente specifico. In particolare, io lavoro su una serie di malattie chiamate laminopatie, sono malattie molto gravi, incurabili, per cui al momento ci sono solo trattamenti palliativi.”

A Londra Luca ha trovato opportunità anche al di fuori del mondo prettamente accademico.

“Sono Vice Presidente di Innovation Forum, un pre-acceleratore per start up gestita da Phd e Post-doc che opera nel settore Life Science e Health Care. Sono anche co-fondatore e Responsabile Relazioni Pubbliche di London Stem Cell Network che organizza eventi con lo scopo di mettere in contatto scienziati che si occupano di medicina rigenerativa e staminali.”

Per quanto aperto al mondo dell’imprenditorialità, Luca sogna di rimanere nella ricerca accademica e di tornare in Italia.

“Il piano a lungo termine sarebbe di rientrare in Italia, sono venuto a Londra per acquisire competenze tecniche e non solo, che mi permettano di riportare qualcosa a casa. Si sente molto parlare di arretratezza, a volte anche ingiustamente, e di cervelli in fuga e io vorrei, nel mio piccolo, portare qualcosa in Italia per poter dire che siamo un po’ meno indietro.”

 

Per saperne di più: