Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / novembre / Assegnato a Paolo Pinton il Premio Internazionale per la Biologia Cellulare Ferrari Soave

Assegnato a Paolo Pinton il Premio Internazionale per la Biologia Cellulare Ferrari Soave

È stato assegnato al Prof. Paolo Pinton del Dipartimento di Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale di Unife l'edizione 2019 del Premio Internazionale biennale per la Biologia Cellulare Ferrari Soave destinato a uno scienziato vivente distintosi per le sue ricerche nel campo delle Scienze biologiche.

Il premio, promosso dall'Accademia delle Scienze di Torino, è stato assegnato al Professor Pinton con questa motivazione:

Le scoperte del Prof. Paolo Pinton hanno rivoluzionato alcuni concetti della biologia di base, tra i quali la dimostrazione che i mitocondri formano una rete interconnessa con relazioni di tiposinaptico con il reticolo endoplasmatico, articolo pubblicato sulla rivista Science citato quasi 2000 volte. Nell’ultimo decennio la sua attività di ricerca si è focalizzata sulla caratterizzazione molecolare e funzionale dei siti di contatto tra reticolo endoplasmatico e mitocondri (regioni chiamate MAMs,ossia regioni associate ai mitocondri) pubblicati sulle migliori riviste scientifiche internazionali, favorendo notevolmente a rendere tale argomento un tema di ricerca di grande attualità ed interesse in tutto il mondo. Negli stessi anni, il suo gruppo di ricerca ha inoltre dimostrato il ruolo di oncogeni edoncosoppressori nel controllo della comunicazione tra reticolo endoplasmatico e mitocondri e nell’importanza della stessa nei processi di morte cellulare e dei fenomeni di chemioresistenza ad essa associati con importanti ricadute applicative a carattere farmacologico. A tal riguardo merita a suo favore una menzione particolare: nel 2017 infatti ha pubblicato sullo stesso numero della prestigiosa rivista Nature 2 articoli come autore corrispondente.

 

 

Per saperne di più:

Paolo Pinton, pubblicate su Nature due ricerche sul ruolo del recettore IP3R3