Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / Luglio / Doppio Titolo in Quaternario, preistoria e archeologia | Dalila De Caro tra Unife e Université Toulouse Jean Jaurès

Doppio Titolo in Quaternario, preistoria e archeologia | Dalila De Caro tra Unife e Université Toulouse Jean Jaurès

Doppio Titolo in Quaternario, preistoria e archeologia | Dalila De Caro tra Unife e Université Toulouse Jean Jaurès

Dalila nel laboratorio di ricerca all'Università di Tolosa

Ha appena conseguito il titolo in Arts, sociétés et environnements de la préhistoire et de la Protohistoire: Europe, Afrique all’Université Toulouse Jean Jaurès, e oggi, 18 luglio, ha ottenuto anche la Laurea Magistrale in Quaternario, preistoria e archeologia presso il Dipartimento di Studi Umanistici del nostro Ateneo.

 

Dalila De Caro ha frequentato il primo anno di magistrale a Ferrara, dove ha trovato l’opportunità di intraprendere il percorso di studi che l’avrebbe portata a ottenere il Doppio Titolo.

 

L’Università di Ferrara infatti investe molto nei progetti formativi internazionali, con lo scopo di fornire alle proprie studentesse e ai propri studenti dei piani di studio completi e diversificati, oltre a dei titoli altamente spendibili anche a livello internazionale.

 

“L’idea di trasferirmi in un Paese di lingua diversa e di dover, per forza di cose, espletare una serie di pratiche burocratiche mi impensieriva non poco, ma ho avuto la fortuna di conoscere delle persone in Francia che mi hanno aiutata durante tutto il percorso, amici che non smetterò mai di ringraziare.”

 

A Tolosa, Dalila ha avuto modo di scoprire un ambiente universitario diverso che le ha permesso di allargare le proprie prospettive e di conoscere approcci metodologici nuovi, non senza imprevisti.

 

“A seguito di scioperi e di manifestazioni studentesche, dovute alla proposta di fusione e all’innalzamento delle tasse universitarie, si sono operati dei blocchi, cominciando proprio dalla Maison de la Recherche, dove analizzavo il materiale archeologico, oggetto della mia tesi.”

 

Ma la ricchezza di questa esperienza, non è data soltanto dall’alto livello delle attività formative e dalla competenza di docenti e ricercatori, ma anche dall’accoglienza di un’incantevole città d’arte.

 

“Ho potuto ammirare, estasiata e commossa, la basilica di Saint Sernin, che figura tra le tappe del Cammino di Santiago, e la Cattedrale di Tolosa, Saint Etienne.”

 

La scelta di questo percorso internazionale ha aperto la strada a Dalila anche per un ulteriore importante riconoscimento, il diploma della Ferrara School of Humanities, per il quale sta concorrendo con la tesi sperimentale in francese realizzata a Tolosa.

 

Infine Dalila si sente di incoraggiare studentesse e studenti a intraprendere questo cammino perché “l’istruzione è la chiave che amplia le nostre vedute, non lasciando il fianco scoperto alla paura del diverso. Esplorare posti nuovi ci permette di uscire fuori da alcune dinamiche, financo sociali, provinciali che, per forza di cose, si innescano nell’immobilità.”