Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2019 / febbraio / Servizio Civile Nazionale | A Unife quattro giovani per il progetto realizzato con il Comune di Ferrara

Servizio Civile Nazionale | A Unife quattro giovani per il progetto realizzato con il Comune di Ferrara

Un’esperienza davvero unica e di crescita

Federica, Giorgio, Melissa e Valentina sono le nuove volontarie e volontari di Unife e del Comune di Ferrara per il Servizio Civile Nazionale. Per loro è iniziato un anno ricco di impegni e nuove esperienze nel sociale. In servizio effettivo da martedì 15 gennaio 2019, si occuperanno di potenziare e ottimizzare i servizi rivolti a studentesse e studenti, personale docente e tecnico-amministrativo con disabilità e DSA, per assicurare l’accesso e la piena integrazione in ogni ambito della vita universitaria.

 

Conosciamo i nuovi volontari/e di Unife per il Servizio Civile Nazionale

I nuovi arrivi nel team dell’Università di Ferrara, operano nella sede dell’ufficio Servizio Disabilità e DSA per il progetto Oltre ogni ostacolo. Si tratta di: Federica Vaccari, 26 anni, con laurea magistrale in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna; Giorgio De Maddalena, 28 anni, iscritto alla magistrale in Scienze Motorie presso Unife; Melissa Bruggemann, 25 anni, frequenta il corso di laurea in lingue e letterature moderne anche lei ad Unife; Valentina Padoan, 26 anni, è diplomata presso l’istituto Einaudi di Ferrara come tecnico dei servizi sociali. Hanno deciso di fare i volontari perché credono che l’esperienza del servizio civile serva loro per crescere personalmente, professionalmente e per prestare un servizio utile per la comunità universitaria con disabilità e DSA. Loro quattro fanno parte delle volontarie e dei volontari che hanno aderito al bando del Servizio Civile Nazionale e saranno impegnati per i prossimi 12 mesi e ricompensati con un piccolo contributo mensile. In questa attività saranno affiancati dalla loro Operatore Locale di Progetto (OLP) Cinzia Mancini e da Maria Chiara Campana del Coordinamento politiche e pari opportunità.

 

L’integrazione in Università si può realizzare

La loro attività sarà legata principalmente al consolidamento e incremento delle attività di supporto erogate dal Coordinamento politiche e pari opportunità; incremento dei servizi bibliotecari per soddisfare i bisogni di studio e di ricerca della Comunità universitaria con disabilità e DSA; diffusione dei temi della disabilità e dell’inclusione. Ciò avviene attraverso il raggiungimento di alcuni obbiettivi.

Tra i principali la collaborazione con il Centro del libro parlato per cercare lettori e lettrici che prestino la propria voce; la pubblicazione di un bando per la realizzazione del logo dell’ufficio di coordinamento politiche pari opportunità e disabilità; creare delle mappe tattili per un miglior orientamento all’interno dell’Ateneo, con la partecipazione dell’associazione Unione Ciechi.

 

 

Federica Vaccari

Giorgio De Maddalena

Melissa Bruggemann

Valentina Padoan