Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2018 / settembre / Disinfettanti a base di microbi per sconfiggere le infezioni ospedaliere | Studio coordinato da Unife pubblicato su ‘Plos One’

Disinfettanti a base di microbi per sconfiggere le infezioni ospedaliere | Studio coordinato da Unife pubblicato su ‘Plos One’

“Disinfettanti biologici” a base di microrganismi non patogeni, simili ai probiotici che si assumono per ristabilire l’equilibrio della flora intestinale, rappresentano una soluzione alla pulizia dei reparti in ospedale, alternativa ai disinfettanti tradizionali contro cui i germi più pericolosi stanno divenendo via via resistenti: sono in grado, infatti, di “scacciare” questi germi multiresistenti da pavimenti e superfici di ogni genere. Sono inoltre ecologici ed economici.

Lo dimostra uno studio multicentrico denominato SAN-ICA e coordinato dal Laboratorio Interdipartimentale CIAS dell’Università di Ferrara, che ha visto coinvolta in prima linea anche la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, oltre al Consorzio Futuro in Ricerca di Ferrara, alle Università di Udine, Pavia, Messina e all’Università Bocconi e alle Aziende USL di Ferrara, Feltre e TolmezzoLo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale “Plos One”.

 

“Nel complesso questo studio contribuisce a sottolineare il ruolo della rimodulazione del microbiota ambientale nella sanificazione delle strutture sanitarie – ha dichiarato il Prof. Sante Mazzacane, coordinatore del gruppo di studio SAN-ICA e docente dell’Università di Ferrara – introducendo la possibilità di un approccio ecologico di elevata efficacia nelle strategie di Infection Control and Prevention, contribuendo alla riduzione delle infezioni ospedaliere e dei costi a esse associate”.

 

“L’impiego dei probiotici per la sanificazione è già utilizzato da alcuni anni in alcune strutture sanitarie – spiega il  Dott. Filippo Berloco, Responsabile UOS Servizio radioprotezione e igiene ospedaliera, UOC Igiene ospedaliera, Direzione Sanitaria, Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCCS - Università Cattolica. Lo studio SAN-ICA, cui la Fondazione ha aderito insieme ad altre strutture sanitarie italiane, ha rappresentato la prima ricerca multicentrica condotta su larga scala per verificare l’efficacia di un protocollo di sanificazione in termini di riduzione delle infezioni ospedaliere. Negli ultimi anni si sono notevolmente diffusi i germi patogeni resistenti a uno o più antibiotici. La loro presenza in ospedale desta particolare apprensione, perché può portare a pericolose e anche letali infezioni nei pazienti ricoverati”.

Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) rappresentano un problema globale che coinvolge fino al 15% dei pazienti ospedalizzati nel mondo. In Europa 3,2 milioni di pazienti acquisiscono un’ICA ogni anno, 37 mila muoiono come diretta conseguenza di tali infezioni. Studi condotti in ospedali italiani mostrano un’incidenza delle ICA del 5-10% con un tasso di mortalità fino al 20-30%. I sistemi oggi in uso per sanificare i reparti ospedalieri sono sempre meno efficaci, perché questi germi stanno imparando a resistere anche ai tradizionali disinfettanti. Servono quindi alternative efficaci e rispettose dell’ambiente, di qui l’idea di “scacciare” i germi cattivi con quelli buoni.

I microrganismi utilizzati in questo studio (del genere Bacilli) non sono molto diversi da quelli presenti nella flora intestinale umana.

“Lo studio – conclude Berloco - ha evidenziato significativi vantaggi in termini di riduzione delle infezioni ospedaliere, oltre che della carica microbica presente sulle superfici, con particolare riguardo ai germi resistenti agli antibiotici. Inoltre l’effetto perdura anche a distanza di diverse ore dall’intervento, a differenza di quanto accade quando si impiegano prodotti chimici come i disinfettanti a base di cloro”.

Tutte le tipologie di infezioni sono diminuite e, parallelamente alla significativa riduzione delle ICA (l’incidenza delle stesse è passata dal 4,8% al 2,3% con un calo di oltre il 50%), si è osservata una drastica diminuzione della carica microbica patogena ambientale (in media del 83%). Per gli operatori addetti alle pulizie l’utilizzo dei probiotici non comporta l’applicazione di sistemi molto diversi da quelli abituali: si impiegano infatti panni pre-impregnati con una soluzione contenente i microrganismi non patogeni (anziché il disinfettante a base di ipoclorito di sodio o di altri principi attivi) per la sanificazione dei pavimenti, e  formulazioni spray per gli arredi e le superfici verticali.

 

Di questa importante ricerca ha parlato ai microfoni di Sky TG24 anche Elisabetta Caselli, Ricercatrice del Dipartimento di Scienze mediche dell’Università di Ferrara e coordinatrice, insieme al Prof. Sante Mazzacane del progetto, intervistata in occasione del convegno che si è tenuto a Roma per la Giornata Mondiale della Sepsi (13 settembre).

Il servizio è stato pubblicato nella pagina Facebook di Sky TG24 (intervista alla Prof.ssa Caselli dal minuto 2.33 circa)