Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2018 / novembre / Unife partecipa a un Progetto “Giovani” del Ministero della Salute sulla Sindrome di Shwachman-Diamond

Unife partecipa a un Progetto “Giovani” del Ministero della Salute sulla Sindrome di Shwachman-Diamond

Unife partecipa a un Progetto “Giovani” del Ministero della Salute sulla Sindrome di Shwachman-Diamond

Le unità operative di Ferrara e di Ancona

Oltre 300 mila euro per tre anni per indagare i meccanismi molecolari coinvolti in una rara malattia genetica, la Sindrome di Shwachman-Diamond. E’ il finanziamento che si sono aggiudicati i ricercatori dell’Unità Operativa di Unife (Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie, Sezione di Biochimica e Biologia Molecolare) e dell’Unità Operativa del Centro Fibrosi Cistica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona tramite il "Bando Ricerca finalizzata Giovani" del Ministero della  Salute.

“La sindrome di Shwachman-Diamond (SDS) – introduce Monica Borgatti, Responsabile dell’Unità Operativa di Ferrara - è caratterizzata da malformazioni scheletriche, disfunzioni del midollo osseo e del sangue con neutropenia e possibile leucemia mieloide acuta. Poco si sa sui meccanismi molecolari che sono alla base della sua patogenesi e attualmente non sono disponibili farmaci e terapie definitive se non il trapianto di midollo osseo. I dati preliminari ottenuti dalle nostre Unità Operative di Ancona e Ferrara dimostrano che l’attivatore trascrizionale STAT3 e la protein-chinasi mTOR sono iperattivati nei pazienti SDSTale risultato è molto promettente in quanto STAT3 e mTOR svolgono un ruolo chiave nello sviluppo della leucemia mieloide acuta, nella differenziazione dei neutrofili e nell'osteogenesi”.

“L’obiettivo del progetto – conclude Valentino Bezzerri, Principal Investigator del progetto - sarà infatti lo studio dei meccanismi di controllo di tali pathways, permettendo l’identificazione di nuovi bersagli molecolari e  lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici, nonché l’impiego di recenti inibitori di STAT3 e mTOR già approvati da FDA e EMA”.

 

Nella fotografia: lunità operative di Ferrara (1) e di Ancona (2). Da sinistra verso destra: Benedetta Fabrizzi (2), Francesca Vagnoni (2), Nicole Caporelli (2), Alessia Finotti (1), Monica Borgatti (1), Marco Cipolli (2), Giulia Breveglieri (1), Natalia Cirilli (2), Laura Donnini (2), Valentino Bezzerri (2), Jessica Gasparello (1), Elisabetta D’Aversa (1), Martina Api (2), Marisole Allegri (2), Irene Teloni (2), Roberto Gambari (1).

 

IL PROGETTO

Titolo del progetto di ricercaFurther insights into the molecular mechanisms underlying the Shwachman-Diamond syndrome: towards new therapeutic approaches
Coordinamento del progetto: Unità Operativa del Centro Fibrosi Cistica, Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona (Principal Investigator: Dott. Valentino Bezzerri e Responsabile dell’Unità Operativa Dott. Marco Cipolli) e Unità Operativa dell’Università degli Studi di Ferrara, Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie, Sezione di Biochimica e Biologia Molecolare (Co-Principal Investigator: Dott.ssa Giulia Breveglieri e Responsabile dell’Unità Operativa Prof.ssa Monica Borgatti).
Destinatario istituzionale: Regione Marche