Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2018 / maggio / Elena Marescotti intervistata a ‘Uno Mattina in Famiglia’ sull'educazione in età adulta

Elena Marescotti intervistata a ‘Uno Mattina in Famiglia’ sull'educazione in età adulta

Elena Marescotti intervistata a ‘Uno Mattina in Famiglia’ sull'educazione in età adulta

Elena Marescotti in un momento dell'intervista a "Uno Mattina in Famiglia"

Elena Marescotti, Ricercatrice di Pedagogia generale e sociale e docente di Educazione degli adulti e di Storia dell'educazione dell’Università di Ferrara, è stata invitata e intervistata in qualità di esperta da Tiberio Timperi e Ingrid Muccitelli,  nel corso della puntata di "Uno Mattina in Famiglia" andata in onda sabato 19 maggio 2018, in diretta dagli studi di Rai Uno.

Tema  dell’intervento l'educazione in età adulta, a partire dal recente fatto di cronaca di cui è stato protagonista Italo Spinelli, ottantaduenne, operaio Fiat in pensione, di recente laureatosi in Filosofia all'Università di Macerata, per comprendere, dopo la morte della moglie Angela, il percorso dell’anima quando lascia il corpo.

L’intervento della Prof.ssa Marescotti è stato quindi incentrato sull'educazione per tutta la vita come opportunità per mantenere vive e vitali le potenzialità cognitive, affettive, relazionali.

"‘Non è mai troppo tardi” per ricordare il titolo della trasmissione di Alberto Manzi che, negli anni Sessanta, sfruttò il mezzo televisivo per finalità formative rivolte proprio ad adulti, per intraprendere un percorso, una vera e propria avventura esistenziale e culturale, che ci porti a mantenere allenate e ad esprimere le nostre facoltà – ha affermato Elena Marescotti - Le motivazioni che possono indurre una persona in età adulta o senile ad intraprendere attività formative, anche strutturate come un corso di studi universitario, sono assai diversificate: un evento significativo del nostro vissuto, che ci induce a cercare nuove risposte, la necessità o il desiderio di perfezionare la nostra professionalità, il desiderio di dare voce ad una aspirazione giovanile che le vicissitudini della vita possono aver tenuto sullo sfondo. Dedicarsi allo studio, in età anche avanzata, rappresenta l'occasione non solo per acquisire nuovi saperi, ma anche e soprattutto nuovi strumenti​ di comprensione del mondo, sempre più complesso, in cui viviamo, e per affrontarne in maniera più consapevole le sfide”.

 

Video dell’intervista su Rai Play (subito dopo il Meteo, dal minuto 8.50 circa al minuto 25.52). Per vedere il video è necessario registrarsi.