Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2017 / Marzo / LifeWatch-ERIC è la 14^ infrastruttura di ricerca riconosciuta dall’UE - UniFE tra i primi Atenei ad aderire

LifeWatch-ERIC è la 14^ infrastruttura di ricerca riconosciuta dall’UE - UniFE tra i primi Atenei ad aderire

LifeWatch, infrastruttura europea per la ricerca sulla biodiversità e sugli ecosistemi, cui UniFE  aderisce tramite la Joint Research Unit italiana, ha ricevuto dalla Comunità Europea lo status di European Research Infrastructure Consortium (ERIC).

Fondata da otto Paesi - Belgio, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Slovenia e Spagna - LifeWatch-ERIC è la 14° infrastruttura di ricerca europea ad ottenere questo importante riconoscimento, a sottolineare la centralità riconosciuta dalla Comunità europea ai temi di ricerca al centro della sua attività.

L’Italia, attraverso il MIUR ed il CNR, gioca un ruolo fondamentale in LifeWatch-ERIC, ospitandone il Centro Servizi, una delle tre sedi europee comuni e contribuendo con l’Istituto Italiano Distribuito di Ricerca sulla Biodiversità sostenuto da un’ampia Joint Research Unit (JRU).

UniFE, da sempre legata ai temi ambientali, dello sviluppo nel rispetto della qualità degli ecosistemi che ci circondano, è stata fra le Università una delle prime ad aderire alla Joint Research Unit italiana. Sono fortemente coinvolti gli Ecologi di UniFE proff. Michele Mistri, Giuseppe Castaldelli e Cristina Munari.  Delegata del Rettore per LifeWatch-Italia è la prof. Elisa Anna Fano.

Per l'Italia, la partecipazione a LifeWatch è stata l’occasione per portare in sinergia gruppi di ricerca attivi sulle tematiche dell’ecologia informatica, della biodiversità e degli ecosistemi, appartenenti a trentuno Istituzioni di grande rilevanza Nazionale, all’interno del nodo nazionale dell’infrastruttura.

Attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche, LifeWatch garantisce l’accesso a grandi set di dati sulla biodiversità, assicurandone standardizzazione ed interoperabilità, e mettendo a disposizione di ricercatori e decisori politici strumenti e sevizi che permettono la creazione di veri e propri ambienti di ricerca virtuali e sostengono il processo politico decisionale.