Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / News / 2017 / Dicembre / Spin off NEA | Energia da fonti rinnovabili e riduzione dei costi

Spin off NEA | Energia da fonti rinnovabili e riduzione dei costi

Spin off NEA | Energia da fonti rinnovabili e riduzione dei costi

Da sinistra: Ramaciotti, Caputo, Modonesi, Ing Attilio Raimondi (In rappresentanza di Palma Costi)

Sono state presentate in una conferenza stampa presso la residenza municipale le attività dell’azienda New Energies And environment  - NEA S.r.l., Spin-off accreditato dell’Università di Ferrara.

L’Amministrazione comunale – ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Mobilità, Protezione Civile, Sicurezza Urbana e Palio del Comune di Ferrara Aldo Modonesi – accoglie con piacere la nascita di questa nuova azienda, scaturita nell’alveo del lavoro della nostra Università, e guarda con grande interesse ai contenuti del suo lavoro nel campo delle energie rinnovabili e in particolare della geotermia a bassa entalpia. Riteniamo, infatti, che la sua attività possa essere utile e funzionale ai lavori di riqualificazione edilizia che intendiamo mettere in atto nei prossimi anni nell’ambito dell’impiantistica sportiva così come in altri tipi di strutture.

Unife si occupa di spin off già da 13 anni – ha affermato la Prof.ssa Laura Ramaciotti, Delegata del Rettore alla Terza missione e ai rapporti con il territorio – perché è fortemente convinta che essi svolgano un ruolo chiave per la valorizzazione della ricerca in campo tecnologico e del trasferimento al mercato dei relativi risultati, in questo caso sotto il profilo energetico.

Il Prof. Riccardo Caputo, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Nea, ha sottolineato che esiste  già un forte interesse per l’utilizzo della geotermia a bassa entalpia che può rappresentare una fonte energetica complementare e di supporto alla geotermia di Casaglia. NEA Spin-off è  un azienda che offre servizi innovativi in questo campo, in particolare la geotermia a bassa e media entalpia  e si rivolge a chi possiede, realizza o sostituisce un impianto di riscaldamento e raffrescamento: privati, enti, fornitori e distributori di energia e aziende interessate a realizzare impianti di medie-grandi dimensioni che coniughino la produzione di energia da fonti rinnovabili con la riduzione dei costi.

 

Una offerta non presente oggi sul mercato –  ha dichiarato il Prof. Caputo. La società infatti si occupa dell’esecuzione di tutta la filiera per la realizzazione degli impianti  (dal sottosuolo all’impiantistica, dalla normativa all’analisi di fattibilità, dalla progettazione ai lavori al collaudo finale al  monitoraggio ambientale) che presentano  molti  vantaggi: il 95% del territorio italiano può utilizzare la geotermia a bassa entalpia non  solo per riscaldamento, ma anche per il raffrescamento,  ininterrottamente per 24 ore tutti i giorni dell’anno e, cosa non secondaria, dopo l’investimento iniziale, consente di non avere più spese. Da qui l’idea di mettere insieme le competenze accademiche, di ricerca, di materiali in una ottica di innovazione, ricerca e operatività.

Ha preso parte alla conferenza stampa anche l’Ing. Attilio Raimondi dell’Assessorato alle Attività produttive della Regione Emilia Romagna.