Perchè iscriversi a Ingegneria informatica e dell'automazione

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell'Automazione, offerto dal Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Ferrara, è un percorso formativo che fornisce conoscenze e competenze tecnologiche altamente qualificanti e ampiamente richieste dal mondo del lavoro nell'area ICT (Information and Communication Technology) dell'industria e dei servizi. Il corso di studio è ad accesso libero (subordinato alla alla verifica del possesso di opportuni requisiti curriculari e di adeguatezza della preparazione).

La preparazione dei laureati, ottenuta al termine del percorso formativo della durata di due anni, coniuga un'elevata professionalità e una solida preparazione culturale sulle metodologie e gli strumenti per lo sviluppo di sistemi e applicazioni delle aree fondamentali dell'Ingegneria Informatica e dell'Automazione.

Le competenze acquisite dagli insegnamenti offerti nel percorso formativo possono già essere utilizzate dagli studenti prima di terminare gli studi per svolgere tirocini e tesi su progetti di ricerca, anche presso enti di ricerca esteri (ad esempio, IHMC, Florida USA), o in azienda. Quasi l'81% dei laureati nell'anno 2017 (dati Almalaurea) ha svolto un tirocinio o ha sviluppato la tesi presso una delle numerose aziende con cui il Dipartimento di Ingegneria collabora.

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell'Automazione, per meglio orientare gli studenti nella formulazione del loro piano di studio, offre quattro percorsi formativi, ciascuno della durata di due anni, qui descritti.

(i) "Industria 4.0": un percorso orientato alle Tecnologie IT per l'Industria 4.0, con insegnamenti relativi a sistemi distribuiti e concorrenti, sistemi di Cloud Computing, Industrial Internet of Things, tecniche di intelligenza artificiale, tecnologie per la sicurezza in Internet, sistemi e sensori wireless, sistemi di elaborazione e automazione industriale;

(ii) "Intelligenza artificiale": un percorso orientato all'Intelligenza artificiale, con insegnamenti relativi a tecniche e sistemi di intelligenza artificiale, tra cui quelli basati su apprendimento automatico e data mining, deep learning, intelligenza artificiale per ottimizzazione vincolata, ingegneria del software avanzata, tecnologie per le basi di dati;

(iii) "Sistemi per l'Automazione": un percorso orientato ai Sistemi per l'Automazione, con insegnamenti relativi a tecniche di controllo adattativo, metodi di supervisione e diagnosi dei guasti, sistemi di controllo digitale, strategie di identificazione dei processi dinamici, tecnologie dei sistemi di controllo, automazione industriale, meccanica degli azionamenti e meccanica dei robot;

(iv) "Sistemi informatici": un percorso di Ingegneria Informatica, con insegnamenti relativi a tecniche e sistemi di intelligenza artificiale, sistemi distribuiti e concorrenti, sistemi di Cloud Computing, programmazione mobile, tecnologie per le basi di dati, progetto di sistemi Web, tecnologie per la sicurezza in Internet, progetto di sistemi digitali.

Agli insegnamenti indicati nei percorsi se ne aggiungono, a scelta vincolata, alcuni dell'area economica e altri, più metodologici, rivolti alla matematica per l'ingegneria, alla ricerca operativa e alla crittografia.

Infine, lo studente può inoltre completare la propria formazione acquisendo contenuti da altri insegnamenti a scelta riguardanti altri ambiti dell'Ingegneria dell'Informazione.
E' comunque possibile per lo studente proporre un percorso misto, con prevalenza di insegnamenti del corso di studi dell'area informatica o dell'area automatica , e compatibile con i vincoli ordinamentali, soggetto a verifica e approvazione.


Il manager didattico del corso di laurea magistrale aiuta lo studente nella redazione del piano di studi ottimale, tenendo conto dei contenuti acquisiti nel precedente corso di studi triennale.


Nel corso degli studi, il colloquio fra docenti e studenti è diretto, frequente e proficuo.
La didattica di molti insegnamenti è integrata con l'uso di laboratori (anche erogati come attività didattica a libera scelta), e prevede il coinvolgimento dello studente nello sviluppo, anche in gruppo, di progetti applicativi, affinché siano acquisite, insieme ai contenuti dell'insegnamento, anche maggiori competenze sulla gestione e sullo sviluppo di progetti.

Ciascun percorso formativo termina con lo svolgimento di un tirocinio e una attività di tesi, che possono essere svolti sia all'interno del Dipartimento sotto la guida di un docente, sia presso le numerose aziende con cui il Dipartimento collabora stabilmente. Poiché si ritiene che il tirocinio e il progetto di tesi siano due attività fondamentali nella formazione del laureato magistrale, anche per il suo proficuo inserimento nel mondo del lavoro e della ricerca stessa, queste due attività occupano il 40% del secondo anno (per complessivi 24 CFU).

Al conseguimento del titolo, i laureati magistrali in Ingegneria Informatica e dell'Automazione saranno quindi in grado di affrontare problematiche complesse e di progettare e realizzare soluzioni avvalendosi di tecnologie dell'informatica e dell'automazione, con la capacità di operare sia in ambito aziendale e industriale, sia nell'ambito della ricerca scientifica.

I laureati magistrali che hanno maggiormente approfondito le tematiche dell'Ingegneria Informatica trovano solitamente occupazione presso aziende informatiche di progettazione e produzione di sistemi hardware e software, aziende di progettazione e gestione di sistemi informativi e reti di calcolatori, aziende che sviluppano software e applicativi basati sul Web sia in Italia sia all'estero, società di consulenza informatica e di ingegneria del software, amministrazioni locali, aziende di servizi anche telematici, centri di elaborazione dati, pubblici o privati.

I laureati magistrali che hanno maggiormente approfondito la formazione sulle Tecnologie IT per l'Industria 4.0 potranno anche trovare occupazione nel settore manifatturiero, il settore trainante dell'economia regionale, con punte di eccellenza mondiale nei settori della costruzione di impianti industriali e macchine automatiche. In questi contesti, la necessità di introdurre tecnologie ICT innovative per il controllo delle macchine e degli impianti, aumenta ancor più oggi la ricerca e la richiesta di queste aziende verso laureati magistrali con tali competenze.

I laureati magistrali che hanno maggiormente approfondito la formazione sulle tecniche di Intelligenza Artificiale sono figure oggi altamente richieste dal mercato del lavoro, che potranno trovare occupazione nel settore delle aziende software, delle aziende di consulenza per elaborazione e analisi dei dati, e in molti ambiti quali industria, sanità, settore finanziario e bancario, e-commerce. In questi contesti, la ricerca di laureati magistrali capaci di applicare tecnologie di intelligenza artificiale, analisi dei dati e machine learning sull'enorme quantità di dati oggi raccolti, è in incremento costante.

I laureati magistrali che hanno approfondito maggiormente le tematiche dei Sistemi per l'Automazione trovano preferibilmente occupazione presso aziende e industrie dell'automazione, elettroniche, meccaniche e elettromeccaniche, aeronautiche, automobilistiche (ampiamente presenti a livello regionale), di domotica e che si occupano di energie rinnovabili (fotovoltaico, idroelettrico ed eolico), in cui sono sviluppate funzioni di dimensionamento e realizzazione di macchine automatiche complesse, di robot, di sistemi meccatronici, di processi e di impianti per l'automazione con utilizzo di componenti elettronici, informatici, meccanici, apparati di misura e di trasmissione, progetto di azionamenti.

I laureati magistrali in Ingegneria Informatica e dell'Automazione trovano collocazione immediata nel mondo lavorativo, con un tasso di occupazione, a un anno dalla laurea del 100% (indagine AlmaLaurea 2017 su condizione occupazionale dei laureati). Al momento del conseguimento della laurea una buona parte di laureandi ha già un accordo lavorativo con aziende o enti di ricerca, nella maggior parte dei casi a proseguimento dell'attività di tesi, grazie ai contatti tra i docenti del Dipartimento di Ingegneria e numerose aziende ed enti che ospitano studenti in tirocinio e tesi. I laureati a un anno valutano efficace al 100% questa laurea per il loro lavoro, e oltre il 70% dei laureati a un anno dichiara di utilizzare, in misura elevata, le competenze acquisite per il proprio lavoro (indagine AlmaLaurea 2017 su condizione occupazionale dei laureati).

A valle del percorso magistrale, il laureato è in grado di affrontare anche un percorso di formazione superiore, quale il Dottorato in Scienze dell'Ingegneria, attivo presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Ferrara.

Le attività didattiche del corso di laurea si svolgono presso il Polo Scientifico-Tecnologico dell'Università di Ferrara, un campus per la didattica e la ricerca con un ambiente piacevole, servizi efficienti e ampi spazi per lo studio a disposizione degli studenti. Tutto il Polo è coperto dal servizio WiFi, dispone di laboratori didattici e di ricerca, aule, sale studio, biblioteca e servizi di tutorato. Presso il Polo sono anche presenti una mensa universitaria e un bar per il servizio di ristorazione.
La sede del Polo Scientifico-Tecnologico, ben integrata nella città di Ferrara, è dotata di due ampi parcheggi gratuiti ed è molto prossima e facilmente raggiungibile dalla stazione ferroviaria.
Nel corso di studi, il colloquio fra docenti e studenti è facile e diretto, frequente e proficuo, grazie al numero ottimale di studenti iscritti, in rapporto alle risorse di spazi, personale e laboratori. Tutti gli studenti iscritti all'Università di Ferrara ottengono le credenziali con cui accedere ai servizi online di Ateneo (WiFi, posta elettronica fornita da Google in partnership con l'Ateneo, liste di iscrizione agli esami, accesso al materiale didattico pubblicato sul portale, etc.).
Punto di riferimento per gli studenti, per informazioni sull'organizzazione della didattica e sui servizi, è la figura del manager didattico.

E' anche attivo un servizio di tutorato didattico che si affianca a lezioni ed esercitazioni come aiuto nella preparazione, nonché un tutorato orientativo all'avvio dell'anno accademico per l'accoglienza alle matricole. E' previsto anche un tutorato internazionale, svolto da studenti senior che hanno avuto un'esperienza di studio all'estero, rivolto agli studenti internazionali e agli studenti Erasmus, sia in ingresso sia in uscita.