DIRITTO INTERNAZIONALE PENALE MILITARE

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita a un anno accademico precedente? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2021/2022
Docente
ALESSANDRA ANNONI
Crediti formativi
6
Periodo didattico
Secondo Semestre
SSD
IUS/13

Obiettivi formativi

Principali conoscenze acquisite: Il corso ha l'obiettivo di introdurre studenti (tanto immatricolati UNIFE che esterni – militari e civili - iscritti al “corso libero” specie in convenzione UNIFE/COA) alle principali norme penali nazionali ed internazionali - sia sostanziali che processuali - riguardanti la conduzione delle ostilità ovvero la condotta dei militari nelle operazioni all'estero.

Principali abilità sviluppate: Obiettivo del corso è anche quello di favorire le ricadute delle conoscenze teoriche acquisite sul piano strettamente operativo tramite appositi casi della prassi. Perciò durante il corso è prevista la verifica delle concrete abilità acquisite tramite l’esame di casi pratici da parte di gruppi di studenti.

Prerequisiti

In considerazione del suo contenuto, il corso presuppone la conoscenza del diritto costituzionale, del diritto privato, del diritto internazionale e dei fondamenti del diritto penale. Per sostenere l’esame, gli studenti UNIFE devono aver superato Diritto costituzionale, Istituzioni di diritto privato, Diritto internazionale, Diritto penale 1.

Contenuti del corso

INTRODUZIONE (5 ore): Soggetti e fonti del diritto internazionale (cenni). Diritto internazionale umanitario, diritto internazionale dei diritti umani e diritto internazionale penale. L'attuazione delle norme di diritto internazionale penale nell'ordinamento italiano. PROFILI DI DIRITTO SOSTANZIALE (19 ore): 1) Parte di diritto internazionale: la responsabilità penale individuale ed il rapporto fra questa e la responsabilità internazionale degli Stati e degli altri enti che partecipano al conflitto; i crimini internazionali di individui; le modalità di commissione del crimine; l’elemento soggettivo del crimine; le scriminanti; 2) Parte di diritto interno: istituzioni di diritto penale; la legge penale militare; il reato militare; le cause di giustificazione nel sistema penale militare; la pena militare; cenni di parte speciale. PROFILI DI DIRITTO PROCESSUALE (10 ore): 1) Parte di diritto internazionale: la repressione dei crimini internazionali da parte di tribunali internazionali; rapporto fra repressione penale e processi di pacificazione nazionale; la cooperazione penale internazionale nella repressione dei crimini internazionali di individui. 2) Parte di diritto interno: giurisdizione penale militare e istituzioni di procedura penale militare. 3) Rapporto fra giurisdizioni nazionali e Corte penale internazionale: Il ruolo degli Stati nella repressione dei crimini internazionali, la competenza complementare della Corte penale internazionale. 7) ESERCITAZIONE (8 ore)

Metodi didattici

Il corso è realizzato in collaborazione con il COA-AM di Poggio Renatico (FE). L’insegnamento avrà sviluppo seminariale, con il coinvolgimento anche di esperti esterni, e si svolgerà dal 7 al 17 febbraio 2022, con appello di esame aperto ai soli frequentanti il 18 febbraio 2022.

Le 42 ore di lezione verranno erogate intensivamente, con 4 ore di lezione giornaliere, somministrate con modalità registrata o streaming. Venerdì 19 febbraio è prevista una tavola rotonda, in modalità streaming, nel corso della quale ospiti esperti della materia verranno chiamati a confrontarsi su alcune delle più attuali tematiche oggetto del corso. Durante il corso si terrà, sempre in streaming, un’attività di esercitazione in streaming che consiste nella soluzione di alcuni casi pratici di diritto internazionale penale e di diritto penale militare interno.

Nel calendario pubblicato nella sezione avvisi di questo minisito, le lezioni in streaming sono contraddistinte dalla lettera (S), quelle preregistrate dalla lettera (R), posta a fianco del nominativo del docente.

Le lezioni verranno erogate utilizzando le piattaforme Google Meet e Eiduco. Le istruzioni per l'utilizzo delle piattaforme sono pubblicate qui: http://www.unife.it/giurisprudenza/giurisprudenza/attivita-didattiche/strutture-e-tecnologie-allavanguardia/guide-per-gli-studenti/guide-per-gli-studenti.

Le lezioni preregistrate saranno rese disponibili sulla piattaforma Eiduco, nella sezione after class, il giorno prima della data prevista nel calendario didattico. I frequentatori sono invitati a prenderne visione nell'ordine e nei tempi previsti dal calendario stesso. È fondamentale che i frequentatori si iscrivano al più presto alla piattaforma Eiduco, registrandosi all'indirizzo https://ufe.eiduco.com secondo le modalità riportate a pp. 18 ss. delle istruzioni, utilizzando il codice corso che verrà fornito a tutti gli studenti UNIFE che hanno inserito in piano di studio l'insegnamento e a tutto il personale in convenzione ammesso a frequentare il corso qualche giorno prima dell'inizio delle lezioni.

Le lezioni in streaming saranno trasmesse nell'aula virtuale del corso, all'indirizzo che sarà pubblicato in questa pagina, nella data e nell'orario previsti dal calendario. Durante la lezione i frequentanti potranno interagire con il docente e con l'aula utilizzando la chat di Google Meet o il proprio microfono. Potranno inoltre utilizzare il live tagger di Eiduco per annotare i passaggi salienti della lezione, in modo da facilitare il successivo riascolto della lezione in fase di studio. La registrazione delle lezioni erogate in streaming sarà poi resa disponibile nella sezione after class di Eiduco.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Per gli studenti non frequentanti, la verifica consiste in un esame orale, volto ad accertare il conseguimento degli obiettivi sopra descritti. La Commissione esaminatrice porrà al candidato un minimo di 2 domande vertenti su argomenti diversi trattati durante le lezioni.

Per gli studenti frequentanti, l’esito dell’esame orale è integrato dalla valutazione dell’esercitazione, secondo questo schema:
-valutazione dell’esercitazione: ottimo (2 punti in più)
-valutazione dell’esercitazione: molto buono (1 punto in più)
-valutazione dell’esercitazione: buono, sufficiente o insufficiente (nessun punto aggiuntivo)

L’esame si intende superato con una valutazione pari o superiore a 18/30.

Testi di riferimento

1) E. Greppi, I crimini dell'individuo nel diritto internazionale, UTET, 2012 o, in alternativa,
AA.VV., Introduzione al diritto penale internazionale, 3a ed., Giappichelli, 2016, escluso parte II, cap. 3, 5 e 6

2) D. Brunelli - G. Mazzi, Diritto penale militare, Milano, Giuffrè, 2007, limitatamente a:
- Capitolo I (La legge penale militare): par. 1.1- 1.4, 3, 8.1-8.4, 9.1-9.3;
- Capitolo II (Reato militare);
- Capitolo III (Cause di giustificazione): par. 15, 16, 17.1-17.3, 18, 19, 20;
- Capitolo V (Pena militare): par. 26, 27, 28.1-28.3, 29, 30;
- Capitolo VII (La parte «speciale» del diritto penale militare): par. 40, 41;
- Capitolo IX (Reati contro il servizio militare): par. 51, 52;
- Capitolo X (Reati contro la disciplina militare): par. 58, 59, 60, 60.1.1- 60.1.3, 60.2.1-60.2.3;
- Capitolo XI (Reati speciali contro l'amministrazione militare, la fede pubblica, la persona, il patrimonio): par. 64, 65.1; 66.1- 66.2; 68, 68.1;
- Capitolo XIII (Giurisdizione penale militare);
- Capitolo XIV (Ordinamento giudiziario militare): par. 79, 80, 81, 82;
- Capitolo XV (Processo penale militare): par. 86, 87, 88, 89, 90;
- Capitolo XVI (Condizioni di procedibilità); e

3) M. BENVENUTI, Luci ed ombre della l. n. 145/2016 in tema di partecipazione dell’Italia alle missioni internazionali. una prima lettura, in Rivista dell’Associazione italiana dei costituzionalisti, ISSN 20398298, 2017, fasc. I, su www.rivistaaic.it, pp. 1-55.