Clinica legale avanzata: La tutela dei diritti fondamentali davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo - a.a. 2018/2019

Docente responsabile

Prof. Alessandra Annoni

 

Articolazione del progetto

Il corso si compone di un modulo comune di 40 ore aperto a tutti gli studenti della Laurea Magistrale in Giurisprudenza (sedi di Ferrara e di Rovigo) e di un modulo di preparazione alla partecipazione al concorso René Cassin (di seguito: modulo Cassin), riservato ai 2-3 studenti che verranno selezionati per rappresentare il Dipartimento nel concorso di simulazione processuale René Cassin, ospitato a Strasburgo presso la Corte europea dei diritti dell’uomo (http://concourscassin.eu/).

 

Obiettivi

​Il progetto mira a fornire ai partecipanti una conoscenza approfondita del sistema di tutela dei diritti fondamentali approntato dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, offrendo loro la possibilità di confrontarsi con la stesura di un ricorso individuale alla Corte europea dei diritti dell'uomo, sotto la supervisione di un tutor, dei docenti del corso e di altri esperti che vantano una lunga esperienza in questo settore.

Gli studenti selezionati per rappresentare il Dipartimento al concorso René Cassin avranno inoltre la possibilità di partecipare al più antico e prestigioso concorso di simulazione processuale presso la Corte europea dei diritti dell'uomo, confrontandosi con studenti provenienti da decine di Università di ogni parte del mondo.

 

 

Modalità di partecipazione

Gli studenti interessati a partecipare al progetto devono completare la procedura di iscrizione online entro il 31 agosto 2018, specificando se intendono concorrere alla selezione per il Concorso René Cassin.

La selezione della squadra che rappresenterà il Dipartimento al Concorso René Cassin avrà luogo entro fine ottobre attraverso un colloquio orale in lingua francese. Costituiranno oggetto di valutazione:

- la conoscenza del sistema CEDU (costituirà criterio preferenziale l'aver già sostenuto l'esame di International Human Rights)

- la conoscenza della lingua francese

- la motivazione personale

La Commissione di valutazione si riserva il diritto di non procedere alla costituzione di una squadra, laddove non vi siano almeno 2 studenti meritevoli.

 

Requisiti di partecipazione

La partecipazione al modulo comune è aperta a tutti gli studenti della LM in Giurisprudenza (sedi di Ferrara e Rovigo), che abbiano già sostenuto l’esame di Diritto internazionale e che posseggano una conoscenza almeno passiva dell'inglese o del francese.

Potranno concorrere alla selezione per la partecipazione al Modulo Cassin i soli studenti che abbiano una buona conoscenza della lingua francese (almeno B1) e che soddisfino gli eventuali criteri ulteriori previsti dal regolamento del Concorso René Cassin (http://concourscassin.eu/). La partecipazione assidua agli incontri del modulo comune è requisito necessario per concorrere alla selezione.

 

Programma

1. Modulo comune (40 ore)

Parte I: Didattica frontale (20 ore): La Convenzione europea dei diritti dell’uomo: origine e struttura - i diritti tutelati – la Corte europea dei diritti dell’uomo: composizione e competenza – i ricorsi interstatali (cenni) - la procedura di valutazione dei ricorsi individuali - la sentenza della Corte - l’impatto della Convenzione e della giurisprudenza della Corte sugli ordinamenti interni.

 

Parte II: Didattica partecipata (20 ore): gli studenti lavoreranno in autonomia, sotto la supervisione del tutor e dei docenti, ad uno o più casi di studio, reali o fittizi, curando la stesura del ricorso sia sotto il profilo formale che sostanziale.

 

2. Modulo Cassin

Gli studenti selezionati per rappresentare il Dipartimento al Concorso René Cassin seguiranno un apposito programma di preparazione. Essi lavoreranno in autonomia, sotto la supervisione del tutor e dei docenti coinvolti, alla formazione del proprio dossier di candidatura e alla redazione della memoria scritta. Se selezionati per partecipare alla fase orale, si recheranno a Strasburgo per le semifinali ed eventualmente la finale del concorso

 

Periodo di svolgimento

Modulo comune: a partire dal 14 settembre, venerdì dalle 15-19 (40 ore). Per esigenze didattiche, taluni incontri potranno svolgersi in giorni o orari diversi.

Modulo Cassin (per i soli studenti selezionati per partecipare al concorso): il calendario degli incontri con il Tutor e con i docenti verrà stilato in funzione delle scadenze concorsuali, che saranno rese note nel mese di settembre. Si riporta di seguito, a titolo indicativo, il calendario dell’edizione 2018 del Concorso:

18 settembre: pubblicazione del caso

13 novembre: invio dossier candidatura

8 dicembre: invio questioni sul caso agli organizzatori

1° febbraio 2019: invio memoria scritta

5 marzo: pubblicazione risultati della fase scritta

4-6 aprile: eventuale fase orale a Strasburgo

 

Modalità di valutazione finale

-          per gli studenti che non partecipano al concorso René Cassin: valutazione del lavoro svolto in aula (50%) e esame finale orale (50%);

-          per gli studenti che partecipano al Concorso: valutazione del lavoro svolto in aula e durante il concorso.

 

Registrazione della valutazione in carriera

Gli studenti che parteciperanno alla Clinica Legale avanzata e che saranno valutati positivamente dal Docente di riferimento, a conclusione dell’attività, sono autorizzati a richiedere il riconoscimento del corso in oggetto nel proprio piano degli studi.

Lo studente presenterà dichiarazione in carta semplice alla Segreteria Studenti di Giurisprudenza, per il riconoscimento diretto dell’esame di Clinica legale avanzata (6 crediti, settore scientifico-disciplinare IUS/13, 40 ore di lezione frontale), come attività affine e integrativa (C) o a scelta libera (D) o sovrannumeraria, a seconda dell’opzione che lo studente indicherà nella dichiarazione.

Il sopracitato esame verrà riconosciuto con lo stesso voto conseguito dallo studente nella valutazione, secondo la lista che il Dipartimento di Giurisprudenza invierà alla Segreteria Studenti, la quale potrà quindi provvedere direttamente all’inserimento del riconoscimento dell’attività, con le caratteristiche sopracitate, nelle carriere dei dichiaranti.