INTRODUCTION TO ITALIAN PRIVATE LAW

Anno accademico e docente
Non hai trovato la Scheda dell'insegnamento riferita all’anno accademico di tuo interesse? Ecco come fare >>
English course description
Anno accademico
2017/2018
Docente
ALBERTO DE FRANCESCHI
Crediti formativi
6
Periodo didattico
Primo Semestre
SSD
IUS/01

Obiettivi formativi

Principali conoscenze acquisite: l’insegnamento mira a fornire una analisi sistematica del diritto privato italiano. Particolare attenzione verrà dedicata alla disciplina delle obbligazioni e dei contratti.

Principali abilità acquisite: al fine di garantire una conoscenza del diritto privato italiano anche con riferimento alla sua prassi applicativa, verranno esaminati testi contrattuali e le più importanti decisioni delle Corti italiane. In tal modo gli studenti acquisiranno la capacità di redigere testi contrattuali e di interpretarne il contenuto. Allo stesso tempo impareranno a consultare banche dati giurisprudenziali e normative, nonché ad interpretarne il contenuto.

Prerequisiti

Gli studenti debbono possedere una buona conoscenza della lingua inglese (almeno al livello upper intermediate - CEFR: B2).

Contenuti del corso

Il corso si concentrerà sui principali istituti del diritto privato italiano e si articolerà in lezioni frontali nonché nella discussione dei casi pratici di maggior interesse.

Introduzione: il sistema delle fonti del diritto privato italiano nel contesto delle fonti dell’Unione europea.

I seguenti temi saranno fatti oggetto di particolare approfondimento: i fatti e atti giuridici; le persone; la nozione di “bene”; la tutela dei diritti; prescrizione e decadenza; proprietà e possesso; il diritto delle obbligazioni; il diritto dei contratti; la responsabilità civile.

Ricerca delle fonti: particolare attenzione e specifico approfondimento saranno dedicati, anche attraverso esercitazioni pratiche, ad attività di ricerca con riguardo alle fonti normative.
Nel corso sono previste 30 ore di insegnamento frontale da parte del docente; 10 ore saranno invece dedicate alla discussione di modelli contrattuali e di casi pratici di particolare rilievo.

Nel corso sono previste 30 ore di insegnamento frontale da parte del docente, suddivise secondo quanto segue: i fatti e gli atti giuridici (2 ore); le persone (2 ore); la nozione di “bene” (2 ore); la tutela dei diritti (2 ore); prescrizione e decadenza (2 ore); proprietà e possesso (2 ore); il diritto delle obbligazioni (8 ore); il diritto dei contratti (8 ore); la responsabilità civile (2 ore).

10 ore saranno invece dedicate alla discussione di modelli contrattuali e di casi pratici di particolare rilievo.

Metodi didattici

Nell’ambito delle lezioni verranno illustrati i diversi istituti del diritto privato italiano e verranno affrontati alcuni nodi problematici di particolare attualità, inerenti a recenti riforme legislative, nonché ai più recenti orientamenti della giurisprudenza nazionale. Nell’ambito delle lezioni, verranno trattati casi pratici di particolare interesse.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame orale consistente in due questioni teoriche e nella discussione di un caso pratico.

E’ richiesta una buona conoscenza dei contenuti del Codice civile relativi agli argomenti affrontati durante il corso.

Il voto finale rappresenta la somma del voto ottenuto nella parte di esame relativa alle questioni teoriche (che conta per 2/3) e del voto ottenuto nella discussione del caso pratico (che conta per 1/3).

Testi di riferimento

Per la preparazione in vista della verifica di apprendimento si fa riferimento a quanto spiegato a lezione.

Per ulteriori approfondimenti si consiglia il seguente testo, il cui studio non è comunque obbligatorio ai fini del superamento dell’esame:

G. Iudica / P. Zatti, Language and Rules of Italian Private Law: An Introduction, Cedam, 2012, p. 1-138.