Diritto agrario dell'Unione Europea - 6 crediti

a.a. 2010/2011 - Prof. Sebastiano Rizzioli

Contenuti del corso

Parte I - Fonti del diritto e norme “costituzionali” dell’UE in materia agraria

Nozione tecnica e nozione giuridica di agricoltura. Fonti comunitarie, fonti nazionali, e prevalenza del diritto comunitario sul diritto interno. I limiti ai poteri statali. Gli articoli da 38 a 44 del TFUE:

- agricoltura e commercio dei prodotti agricoli: l’Allegato I del TFUE

- la PAC e le sue finalità nei trattato

- l’OCM (Organizzazione comune del mercato) secondo il TFUE e la Corte di giustizia

- il sostegno allo sviluppo rurale

- il regime speciale dell’agricoltura in tema di concorrenza, le organizzazioni dei produttori agricoli e le organizzazioni interprofessionali

 

Parte II - Il diritto agrario derivato dell’UE

L’attuazione delle norme del TFUE sull’OCM e sulla PAC fino alle riforme degli anni ’90. La riforma della PAC del 2003. La politica strutturale comunitaria. Agricoltura, ambiente e metodo di produzione biologico. La tutela della qualità dei prodotti agricoli: DOP, IGP e STG.

 

Le regole sulla circolazione degli OGM. La libera circolazione dei prodotti agricoli e la loro etichettatura. La responsabilità del produttore agricolo.

 

Parte III - Cenni di diritto agrario internazionale

Accordi internazionali sul commercio di prodotti agricoli: l'accordo sull'agricoltura, l'accordo SPS, l'accordo TRIPs.

Testi consigliati

LUIGI COSTATO, Corso di diritto agrario italiano e comunitario, 3a edizione, Milano, 2008; le seguenti parti: Capitolo 1 (da pag. 3 a pag. 22); Capitolo 2, sez. II e III (da pag. 67 a pag. 120); Capitolo 3 (da pag. 123 a pag. 168); Capitolo 4 (da pag. 169 a pag. 202); Capitolo 5 (da pag. 203 a pag. 236); Capitolo 6 (da pag. 237 a pag. 275); Capitolo 7 (da pag. 277 a pag. 293); Capitolo 9, par. 9.16 (da pag. 394 a pag. 400).

Alla luce dell'entrata in vigore del Trattoto di Lisbona, gli studenti dovranno avere contezza delle principali innovazioni da questo apportate ai Trattati. Al riguardo potrà essere utilizzato un qualsiasi manuale aggiornato di Diritto dell'Unione Europea.