Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / Eventi / 2019 / Aprile / Il Museo. Dentro e Intorno | Michelangelo, la cappella Paolina e l'iconografia tridentina

Il Museo. Dentro e Intorno | Michelangelo, la cappella Paolina e l'iconografia tridentina

Dettagli dell'evento

Quando

20/05/2019
dalle 17:00 alle 19:00

Aggiungi l'evento al calendario

Lunedì 20 maggio

Ore 17

Salone d’Onore della Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Corso Ercole I D'Este, 21

 

Michelangelo, la cappella Paolina e l'iconografia tridentina

 

Alessandro Zuccari

 

Introduce

Ranieri Varese

 

Alessandro Zuccari, tra i più importanti storici dell’arte in Italia, si confronterà con l’opera di uno dei maestri dell’arte rinascimentale, Michelangelo.

La Conversione di San Paolo di Michelangelo nella cappella Paolina in Vaticano, costituisce una svolta nell’iconografia papale perché Paolo III volle farne una sorta di manifesto del suo pontificato. È questo un dato ineludibile per riesaminare la questione delle immagini sacre poi discussa a conclusione del Concilio di Trento.

La conferenza è occasione per aprire nuove domande e per verificare le scelte e gli indirizzi dell’iconografia “tridentina” e gli esiti che ne sono scaturiti.

Alessandro Zuccari (1954) Ordinario di Storia dell’arte moderna alla Sapienza Università di Roma, è socio nazionale dell’Accademia dei Lincei e dell’Accademia dell’Arcadia, e membro del Comitato Scientifico delle Scuderie del Quirinale.

 

Nell’ambito di ‘Il Museo. Dentro e Intorno’, ciclo di conferenze e seminari realizzato dalla cattedra di Storia dell’arte moderna del Dipartimento di Studi Umanistici e dal TekneHub dell’Università di Ferrara, grazie al sostegno della Fondazione Ferrara Arte e alla collaborazione delle Gallerie Estensi - Pinacoteca Nazionale di Ferrara, insieme ai Musei Civici di Arte Antica agli Amici dei Monumenti e dei Musei ferraresi.

 

Anche in questa edizione si vogliono aprire le porte di musei e luoghi della cultura alla scoperta delle opere, delle collezioni e delle storie che li abitano.

 

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti

 


Locandina