Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
Home / Eventi / 2018 / settembre / Mysterium | Concerto multi-sensoriale di suoni, luci e profumi

Mysterium | Concerto multi-sensoriale di suoni, luci e profumi

Dettagli dell'evento

Quando

21/09/2018
dalle 18:00 alle 20:00

Aggiungi l'evento al calendario

Venerdì 21 Settembre

Ore 18

Palazzo Bonacossi

Via Cisterna del Follo, 5 - Ferrara

 

Mysterium

Concerto multi-sensoriale di suoni, luci e profumi

Antonio Artese, pianoforte

Con la collaborazione di:

Samantha Stout, luci

Sileno Cheloni, Aquaflor Firenze, profumi

 

 

Ingresso libero - Posti limitati

 

Locandina

 

Il concerto fa parte dell’intervento del Maestro Antonio Artese nell’ambito del Sesto Corso di Perfezionamento in Musica e Musicoterapia in Neurologia 2018, diretto dal Prof. Enrico Granieri della Clinica Neurologica dell’Università di Ferrara.

Il pianista e compositore Antonio Artese presenta un concerto multi-sensoriale che combina partiture pianistiche, tra classici e composizioni originali, con luci colorate e con i profumi del maestro profumiere Sileno Cheloni di Aquaflor Firenze.  Il progetto, che vuole ridefinire i confini di ascolto della musica dal vivo offrendo una nuova esperienza sensoriale alle ascoltatrici e agli ascoltatori, prende spunto dalla concezione sinestetica di Alexander Skrjabin, compositore russo che in diverse occasioni si è ispirato a stimoli multi-sensoriali offerti dalla musica, prendendo in esame una teoria di  colori associati ai suoni e alle tonalità.

“Studi scientifici hanno dimostrato che la percezione degli stimoli olfattivi, a causa della vicinanza dell'apparato olfattivo al sistema limbico - afferma il maestro Artese - produce una potente evocazione di immagini e ricordi e amplifica l'esperienza emotiva indotta dalla musica”.

Il programma musicale è suddiviso in tre parti, o colori, e prevede brani di Alexander Skrjabin, S. Rachmaninov, Edvard Grieg,  insieme a due suites originali per pianoforte “Lakes of My Mind” (2014)  e “The Inner Garden”,  quest’ultimo composto di istantanee sonore scaturite da ricordi olfattivi ispirati a passeggiate nell’orto botanico “Il Giardino dei Semplici” di Firenze.