Geologia storica

ultima modifica 16/02/2011 10:04

pianta geologia

Questa sezione, prevalentemente usata per la didattica universitaria, illustra l'evoluzione della Vita sulla Terra ed i principali eventi geologici delle Alpi Meridionali mediante colonne stratigrafiche, fossili guida, campioni di rocce, ricostruzioni ambientali e paleogeografiche.

vetrina geologia


Paleozoico

Sono illustrati i principali eventi biologici con i fossili più caratteristici di ogni periodo. Da notare gli esemplari di invertebrati provenienti dal famoso giacimento delle Ardesie di Hunsrück (Germania) del Devoniano inferiore. E' inoltre riportata la colonna stratigrafica della successione permiana delle Dolomiti, con campioni di roccia e fossili delle varie formazioni.

Triassico

Questo periodo, ampiamente documentato nell'area dolomitica, è oggetto di studio dei geologi e dei paleontologi del Dipartimento a partire dagli anni '50 con l'arrivo a Ferrara del Prof. Leonardi. La vetrina infatti è stata allestita principalmente con reperti derivati da campagne di ricerca. Abbondantissimo materiale paleontologico di questo periodo è conservato nei depositi del Museo.

Giurassico

Nella parte bassa della vetrina è ricostruito l'assetto paleogeografico delle Alpi Meridionali durante il Giurassico inferiore, momento in cui i mari bassi della Tetide erano popolati da una particolare fauna a bivalvi (facies a Lithiotis). Le stratigrafie degli ambienti di mare aperto e di quelli di acque basse (piattaforme carbonatiche) del Giurassico sono messe a confronto con i relativi fossili. Non mancano esemplari del Giurassico della Baviera provenienti dal giacimento di Solnhofen (Baviera), ben noto per il ritrovamento di Archaeopteryx, il famoso anello di congiunzione tra rettili ed uccelli.

Cretacico

Sono esposte due successioni stratigrafiche, una di ambiente marino profondo con alcune ammoniti, l'altra di mari bassi e caldi in cui vivevano grandi bivalvi, oggi estinti, le rudiste.

Paleogene

Contiene numerose associazioni di molluschi e foraminiferi dei Monti Lessini e Berici. Di quest'ultima località è anche riportata la suddivisione stratigrafica delle rocce basata sui Nummuliti, organismi unicellulari di grandi dimensioni che vivevano sui fondali dei mari tropicali tetidiani ed importanti fossili guida del periodo. E', inoltre, ricostruito il paleoambiente e sono esposti campioni del giacimento fossilifero italiano più famoso, la Pesciaia di Bolca (Verona).

Neogene

Trovano spazio, oltre ai fossili, le ricostruzioni paleogeografiche, l'evoluzione del bacino mediterraneo durante gli ultimi 20 milioni di anni. E' inoltre esposto un efficace pannello concernente l'evoluzione neogenica dei primati.

 

logoRitorna alla Home

Azioni sul documento