Al via la seconda parte della quinta edizione del Premio Internazionale di Restauro Architettonico “DOMUS Restauro e Conservazione Fassa Bortolo” dedicata alle opere realizzate

 

Al via la seconda parte della quinta edizione del Premio Internazionale di Restauro Architettonico “Domus restauro e conservazione Fassa Bortolo, ideato e promosso nel 2010 da Fassa s.r.l., titolare del marchio “Fassa Bortolo” e dal Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara.

Dopo il successo della sezione relativa a “Progetti elaborati come Tesi di Laurea, Master, Specializzazione e Dottorato” che ha aperto questa edizione nel 2015, ad essere valorizzati quest’anno sono i professionisti del settore ed i loro progetti realizzati in ambito italiano e internazionale, nell’ambito della sezione ‘Opere realizzate’.

Al termine delle iscrizioni a dicembre 2015, hanno partecipato 84 progetti, nuovo record per la manifestazione, con una distribuzione geografica che dimostra la crescita costante degli interventi di restauro in contesti stranieri anche extraeuropei. Oltre a sedici progetti di diverse nazioni europee, i candidati provengono dal Medio Oriente (Israele),  dal Sud America (Brasile, Cile e Argentina), dagli Stati Uniti  e dall’Asia (Cina e Giappone).

Come per la sezione premiata lo scorso anno, la Giuria della quinta edizione, che si riunirà entro febbraio per valutare i progetti, è composta da Riccardo Dalla Negra (Università di Ferrara, Presidente), Marcello Balzani (Università di Ferrara, Segretario) Gisella Capponi (Direttore ISCR, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro), Carla Di Francesco (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e Camilla Mileto (Universitad Politecnica de Valencia, Spagna).

Per questa sezione il premio avrà un importo complessivo di 10.000 Euro, di cui 5.000 euro e una medaglia d’oro al progetto vincitore e due premi da 2.500 euro e medaglie d’argento ai secondi classificati.

La premiazione del concorso si terrà nel corso del XXIII Salone dell'Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali, che si terrà dal 6 all’8 aprile a Ferrara. Per l’occasione il 6 aprile a Palazzo Tassoni Estense sede del Dipartimento di Architettura, (via Ghiara, 36), si terrà una Soirée, mentre il giorno successivo una conferenza con tutti i professionisti premiati. Tutti i progetti in concorso saranno inoltre esposti uno stand dedicato con oltre 160 pannelli che descriveranno lo stato dell’arte nel campo del Restauro architettonico nel nostro Paese e nel resto del mondo.

La scelta di rendere biennale ogni edizione è stata presa per dare maggiore spazio a ciascuna categoria in concorso e per garantire visibilità ai partecipanti attraverso mostre e riviste specializzate.

 

Ferrara, 23 febbraio 2016

Carlotta Cocchi