“24 ore alla corte di Niccolò” tra approfondimenti scientifici ed intrattenimenti musicali, teatrali e gastronomici

 

24 ore alla corte di Niccolò. E’ questo il titolo dell’iniziativa che si terrà mercoledì 21 settembre dalle ore 14.30 alle ore 21 presso Palazzo Bonacossi, (via Cisterna del Follo, 5) e Palazzo Schifanoia, (via Scandiana, 23), organizzata da Francesca Cappelletti, Professoressa di Storia dell’Arte moderna dell’Università di Ferrara, Stefania De Vincentis, assegnista di ricerca di TekneHub e Chiara Guerzi, storica dell'arte e cultrice della materia per la cattedra di Storia dell'Arte Moderna di Unife.

Obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare la cittadinanza e far conoscere ad un vasto pubblico uno dei nodi cruciali della civiltà estense, quello relativo al governo di Niccolò III d’Este (1393-1441).  A partire dalle 14.30 prenderanno il via una serie di attività di approfondimento scientifico e di intrattenimento musicale, teatrale e gastronomico, per offrire ai partecipanti uno scorcio variegato all’interno di questo periodo estense.

La riflessione storica sarà affidata al convegnoLa corte di Niccolò III d’Este: il punto sugli studi e le prospettive di ricerca”, che si svolgerà dalle 14.30 alle 18.30 a Palazzo Bonacossi, promosso da Unife, Comune di Ferrara, Fondazione Ferrara Arte. L’iniziativa segue la linea di ricerca aperta dalla giornata di studi del 12 giugno “Eresia, ricerca, dialogo. L’Addizione di Niccolò sfida per la città futura”, prima di una serie di attività  organizzate dalla cattedra UNESCO di Unife, in collaborazione con l’ILAUD (International Laboratory of Architecture and Urban Design) e con docenti e ricercatori di diversi Dipartimenti dell’Ateneo, con l’obiettivo di esaminare la fattibilità di un nuovo polo culturale nel centro storico di Ferrara, nell’area corrispondente alla Prima Addizione avviata da Niccolò II nel 1386 (tra San Francesco, Corso Giovecca, le Mura, via Scandiana).

Secondo appuntamento della giornata dalle 19 alle 21 a Palazzo Schifanoia con “Musici di corte e di strada dai tempi di Niccolò ai Buskers di oggi”, che prevede momenti musicali a cura di un duo di musicisti di strada, gli Harp &Hang,  direttamente dal Ferrara Buskers Festival nella rivisitazione del repertorio musicale del Trecento e del Quattrocento. Il Salone dei Mesi ospita, invece, la messa in scena della commedia boccaccesca a cura dell’Associazione teatrale l’Oranona in collaborazione con l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio. L’accesso alla rappresentazione è libero e gratuito fino a esaurimento posti. La serata si concluderà con un momento gastronomico sempre a Palazzo Schifanoia.

 

Ferrara, 19 settembre 2016

Carlotta Cocchi