Luciano Floridi torna a Unife per le Department Lecture del Dipartimento di Studi Umanistici

LUCIANO FLORIDI TORNA A UNIFE PER LE DEPARTMENT LECTURE

DEL  DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI


In foto: Luciano Floridi

Luciano Floridi, Ordinario di Filosofia e Etica dell’Informazione dell’Università di Oxford, nonché membro accreditato dell’Advisory Council di Google sul diritto all’oblio, torna all’Università di Ferrara lunedì 5 ottobre dalle ore 10 alle ore 12, in Aula L del Dipartimento di Studi Umanistici (via Paradiso 12) alle Department Lecture, per parlare di “logica concettuale dell’informazione.

Lo stesso Floridi, segnalato dal Dottorato in Studi Umanistici di Unife, sarà presente in Ateneo anche nel secondo semestre accademico come Copernicus Visiting Professor presso l’Istituto Universitario di Studi Superiori - IUSS - Ferrara 1391,

L’iniziativa è organizzata dal Prof. Matteo d’Alfonso del Dipartimento di Studi Umanistici di Unife, sezione di Filosofia.

Abstract

La filosofia si occupa spesso di modi strutturati di analizzare i sistemi e le loro dinamiche. La modernità è stata dominata da due principali logiche concettuali, quella di Kant e quella di Hegel. Le due logiche concettuali possono essere viste all’opera in filosofi quali Marx (quella di Hegel) e Husserl (quella di Kant). Le due peraltro non sono incompatibili, ed facile vederle interagire, per esempio in Foucault, essendo accomunate dall’indagine dei sistemi come qualcosa di dato, di presente nell’universo naturale o nella storia umana. Entrambe muovono dal sistema al modello concepito come una sua descrizione, cercando, per così dire, generalità e strutture ricorrenti. Nessuna delle due quindi è una logica concettuale della costruzione, che muova dal modello, inteso come una prescrizione, o progetto, in vista della sua implementazione come sistema realizzato. Nella mia presentazione discuterò di come colmare questa lacuna. Esplorerò inoltre la possibilità che una tale logica concettuale della costruzione, di cui abbiamo urgentemente bisogno, sia la logica concettuale dell’informazione, e che questa sia compatibile con forme di ragionamento orientate al progetto, con l’identificazione di requisiti e vincoli, con analisi, orientate verso il futuro, di ciò che può funzionare, con le scienze ingegneristiche.

Ferrara, 2 ottobre 2015

Maria Grazia Campantico