Ai Venerdì dell’Universo si sonda lo Spazio Tempo con gli Orologi Cosmici. Il 20 marzo alle ore 21 la conferenza di Marta Burgay

“Orologi Cosmici per Sondare lo Spazio Tempo”. E’ questo il titolo del sesto appuntamento de “I Venerdì dell’Universo”, storica rassegna di seminari scientifici su Astronomia e Fisica, organizzati dal Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università di Ferrara, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Gruppo Astrofili Ferraresi “Columbia“, Coop. Sociale Camelot e La Terra dell’Orso.

Venerdì 20 marzo, alle ore 21 alla Sala Estense, (piazza Municipale), relatrice dell’appuntamento sarà Marta Burgay, Ricercatrice presso l'Osservatorio Astronomico di Cagliari e membro del gruppo internazionale PulSE (Pulsar Science in Europe), che ci anticipa l’argomento della serata... “Le pulsar sono corpi celesti estremamente compatti, sorte di buchi neri mancati che, ruotando vorticosamente su se stesse, emettono segnali periodici molto regolari. Grazie a questa loro caratteristica, le pulsar possono essere utilizzate come orologi cosmici di precisione per condurre esperimenti di fisica fondamentale nello spazio profondo. E' proprio grazie ad una particolare coppia di pulsar, unica nel suo genere, che è stato possibile andare a verificare una delle ipotesi più intriganti della teoria della relatività generale di Albert Einstein, quella cioè secondo cui lo spazio-tempo non sarebbe piatto, ma verrebbe curvato dalla massa dei corpi celesti. Nel corso della conferenza descriveremo in termini semplici la natura e le implicazioni della curvatura dello spazio-tempo, spiegando come gli studi effettuati sulle pulsar (e in particolare sulla cosiddetta "doppia pulsar") forniscano ulteriore solido supporto alla teoria di Einstein”.

Anche quest’anno gli appuntamenti saranno trasmessi in diretta streaming all’indirizzo http://www.fe.infn.it/venerdi/streaming e inoltre è attivo l’indirizzo mail venerdiuniverso@fe.infn.it a disposizione di chiunque voglia rivolgere domande.

 

Ferrara, 18 marzo 2015

Carlotta Cocchi