Scoperto da Unife un nuovo gene per la cura delle malattie rare

Scoperto da Unife un nuovo gene per la cura delle malattie rare


In foto: Alessandra Ferlini

La prestigiosa rivista internazionale Journal of Clinical Investigation, che occupa il 10° posto nel ranking delle migliori riviste scientifiche a livello mondiale, ha pubblicato un articolo collaborativo europeo coordinato dalla Genetica Medica di Ferrara. Il lavoro ha anche avuto uno showstopper editoriale, vista l’importanza dei risultati.

In collaborazione con Imperial College di Londra, il gruppo Unife ha scoperto un nuovo gene responsabile di una gravissima aritmia ereditaria associata a distrofia muscolare.

Il gene non solo è nuovo di zecca, ma è coinvolto un funzioni cellulari ad oggi mai descritte in queste patologie cardiomuscolari.

“Si tratta di un risultato davvero importante per le malattie rare genetiche - dice la prof.ssa Alessandra Ferlini che ha coordinato la ricerca - e che ci aiuterà a capire meglio e forse a curare anche patologie molto frequenti e pericolose come le aritmie, per le quali una diagnosi precoce ed una terapia appropriata sono salvavita per i pazienti. E’ bello che questo articolo, che sottolinea ancora una volta la eccellenza della nostra Università nella cura, prevenzione e ricerca delle malattie rare e che è  stato sostenuto da un progetto della Comunità Europea da noi coordinato, il BIO-NMD, esca nei giorni della Maratona Telethon, a dimostrare la eccellenza della ricerca italiana”.

 

Ferrara, 18 dicembre 2015

Maria Grazia Campantico