Il 18 dicembre inaugurazione del 625° a.a. di Unife. Riconoscimento a Paolo Ceccarelli, un protagonista della cultura e del dibattito urbanistico in Italia e all’estero

IL 18 DICEMBRE INAUGURAZIONE DEL 625° A.A. DI UNIFE

Riconoscimento a Paolo Ceccarelli,

un protagonista della cultura e del dibattito urbanistico in Italia e all’estero

In foto: Paolo Ceccarelli

Si è già messa in moto la macchina organizzativa per l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Ferrara, il 625° dalla bolla istitutiva “In Supreme Dignitatis” di Papa Bonifacio IX. La cerimonia si terrà venerdì 18 dicembre alle 11 nella splendida cornice di Palazzo Tassoni, sede del Dipartimento di Architettura in via Ghiara.

Molto attesa quest’anno la relazione inaugurale del nuovo Rettore Giorgio Zauli, che per la prima volta indosserà l’ermellino. A seguire, come da programma, si terranno gli interventi dei rappresentante degli studenti e del personale tecnico amministrativo e la prolusione di Patrizio Bianchi,  Assessore Università e Ricerca della Regione ed ex Rettore, sul tema “Universitas e globalizzazione”.

Al termine della cerimonia  Paolo Ceccarelli  riceverà dalle mani del Magnifico il titolo di Professore Emerito, conferitogli, su proposta del Dipartimento di Architettura, dal Ministro Stefania Giannini. Un riconoscimento che premia un protagonista, sin dagli anni 60, della cultura e del dibattito urbanistico in Italia e all’estero.

La motivazione parla chiaro: “La sua intensa attività di ricerca e di insegnamento, di elaborazione intellettuale e animazione culturale, costantemente accompagnata alla pratica tecnica, è sempre stata caratterizzata da un atteggiamento sperimentale e da un coinvolgimento internazionale che gli hanno consentito di fornire un contributo all’avanzamento degli studi urbani, ponendo al centro del dibattito i temi emergenti della pianificazione e della progettazione urbanistica. Rettore all’IUAV dal 1982 al 1991, membro del Comitato Ordinatore prima e poi Preside fino al 2001 della neonata Facoltà di Architettura di Unife, promuovendo e attuando un progetto didattico e scientifico innovativo, centrato sulla cultura e la pratica del progetto. Sotto la sua direzione Architettura a Ferrara ha raggiunto una posizione di eccellenza nel panorama europeo, per l’attenzione alla qualità della formazione, per l’impegno nella ricerca e per la fitta rete di rapporti internazionali”.

Ceccarelli è tuttora titolare di cattedra UNESCO e continua a promuovere iniziative di grande interesse e impegno culturale per Unife e il Dipartimento di Architettura. Proprio recentemente si è occupato della fattibilità di un nuovo polo culturale nel centro storico per valorizzare l’area corrispondente alla Prima Addizione di Niccolò, tra San Francesco, corso Giovecca, le Mura e via Scandiana. La ristrutturazione dei palazzi di via Savonarola e la riqualificazione del quadrilatero che identificherà il nuovo polo culturale sono una partita complessa e onerosa, che avrà un impatto rilevante per la città.

Ferrara, 3 dicembre 2015

Maria Grazia Campantico