Per una nuova Addizione estense. Ripensare il passato per progettare il futuro

PER UNA NUOVA ADDIZIONE ESTENSE

RIPENSARE IL PASSATO PER PROGETTARE IL FUTURO

Un nuovo polo culturale e storico nel cuore della città

Da lunedì 7 a martedì 8 settembre, al Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara (via Ghiara, 36) si terrà il seminario internazionale Rethinking the Future of the “Addizione di Niccolò”, promosso dalla Cattedra UNESCO di Unife.

Come dice il Prof. Paolo Ceccarelli, Cattedra UNESCO di Unife: “Si tratta del secondo incontro di riflessione, dopo quello del 12 giugno scorso, sui problemi della progettazione e realizzazione di un nuovo polo culturale a Ferrara nell’area di grande importanza culturale e storica compresa tra San Francesco, Corso Giovecca, le mura, via Scandiana (corrispondente alla prima Addizione ferrarese di  Niccolò, del 1386), partendo dall’occasione offerta dal restauro degli edifici dell’Università in via Savonarola. Anch’esso si fonda sullo spirito di confronto tra esperienze italiane e straniere, esplorazione di  idee, proposte di ulteriori approfondimenti  che caratterizza l’intero progetto; non intende fornire  soluzioni, si propone  piuttosto di far emergere problemi,  di mettere  a disposizione dei vari attori politici, economici e culturali e della cittadinanza possibili temi di riflessione e linee di lavoro, temi di approfondimento e dibattito. E’ una riaffermazione del ruolo specifico  dell’Università, che non si sostituisce alle competenze dei governi locali e  al ruolo dei cittadini, ma fornisce le basi  per le loro decisioni. In questo nuovo incontro – dopo aver affrontato a giugno le vicende storiche, culturali e artistiche che hanno caratterizzato l’area – si esamineranno i problemi di natura economico-finanziaria, sociale, urbanistica e gestionale che un progetto  di nuovo polo culturale può porre. Al seminario  parteciperanno esperti  stranieri ed italiani di strategie di sviluppo e gestione dei centri storici,  del mercato immobiliare,  di progetti di valorizzazione culturale di grande scala, di conservazione del patrimonio e di pianificazione urbanistica. Verranno presentate esperienze collegabili a quella ferrarese e si svilupperà un confronto di idee e proposte utile per i successivi sviluppi del progetto”.

Prosegue Ceccarelli: “Nei giorni successivi (da mercoledì 9 a sabato 12 settembre), sempre al Dipartimento di Architettura si terrà un workshop organizzato dall’International Laboratory of Architecture and Urban Design (ILAUD), a cui parteciperanno docenti e studenti di università italiane e inglesi allo scopo di mettere su carta le idee ed i problemi emersi negli incontri del 12 giugno e del 7-8 settembre e di renderli meglio comprensibili. Queste elaborazioni saranno alla base della presentazione del progetto che avverrà la sera di domenica 27 settembre, nel quadro di UniFestival, in piazza Trento e Trieste”.

Ferrara, 4 settembre 2015

Maria Grazia Campantico