Gestione della rete Lepida@Unife

La fibra spenta che costituisce la MAN è stata resa operativa tramite apparati in tecnologia GigaEthernet. La rete ha la capacità di riconfigurarsi automaticamente, in caso di guasto, con un tempo inferiore al decimo di secondo ed è in grado di tollerare la rottura di una tratta senza alcun impatto per i servizi e per l'utenza.

Ogni apparato è monitorato costantemente e un eventuale malfunzionamento genera un'ampia messaggistica di allarme. La manutenzione è effettuata completamente in insourcing e sono disponibili dispositivi in grado di sostituire immediatamente quelli danneggiati.

La rete è gestita a layer 2 tramite Virtual LAN in grado di separare il traffico delle differenti strutture. Tutta la rete è basata sul protocollo IP, con un piano di numerazione privato in classe A. La conversione a indirizzi pubblici è realizzata mediante un sistema di NAT operante su un router open source, con accurate politiche di firewall. Il traffico di ogni utente è tracciato in ottemperanza alle attuali norme. La rete supporta in modo nativo IPv6 e Multicast.

I numeri:
50 le VLAN in uso, 6000 il numero complessivo dei dispositivi connessi alla rete, 5000 gli indirizzi IP pubblici in uso, 150Mbs i picchi attuali di traffico tra le sedi, 52Mbps il traffico con Internet nelle ore di punta, 900 le macchine che fanno traffico in parallelo verso Internet, 1ms il ritardo di transito tra due punti qualsiasi della rete.